X hits on this document

PDF document

OPPORTUNITÀ ALL'ESTERO Aggiornamento del 24/01/2015 - page 44 / 48

181 views

0 shares

0 downloads

0 comments

44 / 48

“Lavoro: dove?”

www.progettogiovani.org

Opportunità in Europa

concludendo che non doveva adempiere al pagamento perché non sussistevano prove dell'incendio. E nonostante ciò ha continuato ad avere l'acqua nella sua proprietà.

La sua vittoria e la sua fiducia nella giustizia, afferma, dovrebbero essere prese ad esempio da tutti quei palestinesi che si ritrovano nella stessa situazione. Sono numerose le famiglie che negli anni hanno perso il diritto sulle loro proprietà. Per tale ragione, Raji Abd Al Aziz crede che l'Autorità Palestinese dovrebbe avere un ruolo attivo in tali battaglie legali, sostenendo tutte le famiglie che decidono di intrapendere questo percorso. In oltre 25 anni però, afferma di non aver mai avuto un sostegno né tantomeno un sussidio da parte dell'amministrazione palestinese.

Vedere la galleria fotografica TORNA ALL'INDICE

GAZA WAR: IT'S ABOUT KEEPING THE PALESTINIANS UNDER CONTROL Vogliamo condividere con voi un articolo di Noam Sheizaf pubblicato a www.972mag.com:

Israel has been waging a single war since the mid-70s. Its goal is to avoid sharing power or assets with the other people living on this land. The Gaza war wasn’t about creating a new order, but about maintaining the old one.

At the time of this writing, Operation Protective Edge has come to an end and the ceasefire between Hamas and Israel is delicately holding. Though indirect talks are taking place in Cairo, reports from the negotiations indicate an Israeli refusal to lift the siege on Gaza. Hamas has vowed to fight on if the ceasefire doesn’t hold, but the humanitarian crisis in the Strip is likely to make that difficult.

As things now stand, it’s clear that declarations by Israeli ministers and generals on “a new reality” in the south disguise a different, opposite goal for this war: Protective Edge was carried out in order to restore things to way they were before June 2014. In other words, to maintain the status quo...continua a laggere... TORNA ALL'INDICE

LO SCI SEGNALA

RADIO GHETTO, VOCI LIBERE! Laura Garcia Llamas, la volontaria della Città dell'Utopia, ci racconta la sua visita a Gran Ghetto di Rignano Garganico in Puglia, dove è da poco in onda “Radio Ghetto, Voci Libere”.

Clicca l'immagine per ascoltare lo Spot di Radio Ghetto! >>> Il 31 luglio sono arrivata al Gran Ghetto di Rignano Garganico in Puglia con i primi volontari del progetto “Radio Ghetto, Voci Libere”.

Durante i primi giorni, mentre aspettavamo l’antenna, abbiamo cercato di creare un gruppo stabile di persone che seguissero la radio. Chiedevamo loro di trasmettere qualche canzone, coinvolgendogli tra l’altro con piccole interviste di presentazione e pian piano i rapporti e le relazioni migloravano.

Le trasmissione della radio sono così diventate un momento d’incontro tra persone che pur abitando nello stesso ghetto non si conoscevano o non avevano mai parlato. In radio si parlava di tutto, del lavoro, delle proprie storie personali sempre raccontate nella lingua che ognuno preferiva. Si sono così sviluppate interessanti trasmissioni e chiacchierate leggere che hanno dato a tutti l’opportunità di parlare, anche a quelli che all’inizio erano più timidi.

Dopo aver collaborato per due settimane al progetto “Radio Ghetto”, giunto quest’anno la sua terza edizione, penso di avere imparato tante cose sulla radio, sulla comunità del Ghetto e sui rapporti umani in generale. Quello che mi ha colpito di più, però, è stata la scoperta della radio come mezzo di espressione e, in questo caso, uno strumento per dar voce a persone che vivono in un contesto di sfruttamento ed isolamento. Quest’anno “Radio Ghetto” ha un telefono, che permette a tutti, in Italia e non solo, di parlare direttamente con gli abitanti del Ghetto per rompere il loro isolamento e fare domande sulla loro realtà quotidiana.

Una volta avvicinate le persone al microfono, una volta dimenticata la vergogna, una volta scomparse le difficoltà di espressione, nasce il bisogno di far uscire la propria voce e di far conoscere la propria realtà che non immagineremmo mai di trovare così vicina a casa nostra.

A cura dei CIG di Latisana e Lignano Sabbiadoro

44

Document info
Document views181
Page views181
Page last viewedMon Jan 23 17:13:12 UTC 2017
Pages48
Paragraphs1515
Words21232

Comments