X hits on this document

PDF document

Criteri di taratura degli impianti di distribuzione MT ed esempi tipici di coordinamento delle ... - page 2 / 14

56 views

0 shares

0 downloads

0 comments

2 / 14

distribuzione statistica resistenza di guasto monofase a terra

frequenza

100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20%

10% 0%

53%

62%

72%

81%

85%

90%

91%

95%

98%

99%

100%

100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0%

cumulata

0-10

11-50

51-100

101-250

251-500

501-1000

1001-1500

1501-3000

3001-5000

5001-10000

10001-20000

20001-30000

resistenza di guasto [ohm]

Figura 1:

distribuzione delle resistenza di guasto monofase a terra

Si noti che la distribuzione di Figura 1 non è quella reale dei guasti, ma quella dei guasti visti dalle protezioni in funzione del loro comportamento, influenzato dallo stato del neutro e dalle tarature impostate sulle protezioni stesse. Il comportamento delle protezioni, infatti, su reti esercite a neutro isolato, infatti, relativamente al valore massimo di resistenza di guasto selezionabile, è mostrato in Figura 2. La figura è relativa a tensione di esercizio 20 kV e corrente capacitiva di guasto monofase a terra della rete MT compresa fra 200 A e 350 A. La taratura della protezione ENEL di linea è: V0= 2V (2% della tensione di fase primaria, pari a 231 V) I0= 40 mA (con TA 50/1, pari a 2 A primari) Nella figura sono riportati anche il grado di compensazione C (= 0% in quanto si è a neutro isolato) e la taratura in tensione (8 V secondari) della protezione di massima tensione omopolare di sbarra MT. installata come back-up della protezione di linea Le linee praticamente orizzontali a tratto continuo sono i limiti ampermetrici della protezione, dipendenti dalla taratura impostata (40 mA secondari, a valle dei TA omopolari di rapporto 50/1) e dal contributo della linea a valle del TA stesso, espressi in funzione della corrente capacitiva di guasto monofase a terra (a neutro isolato) della rete MT di cui fa parte la linea in questione. Valori di Rg superiori alla curve, a parità di corrente di guasto capacitiva della rete MT, determinano valori di I0 inferiori alla soglia e, pertanto, l’assenza della rilevazione del guasto da parte della protezione di linea MT. La più alta delle curve nere punteggiate rappresenta il limite di selettività voltmetrico della protezione di linea MT, dipendente dalla taratura impostata (2 V secondari), sempre espresso in funzione della corrente capacitiva di guasto monofase a terra (a neutro isolato) della rete MT di cui fa parte la linea in questione.. Valori di Rg superiori alla curva punteggiata, a parità di corrente di guasto capacitiva della rete MT, determinano valori di V0 inferiori alla soglia e, pertanto, l’assenza della rilevazione del guasto da parte della protezione di linea MT. La curva punteggiata più bassa, infine, rappresenta il limite di selettività voltmetrico della protezione di massima tensione omopolare di sbarra MT, dipendente dalla taratura impostata (8 V secondari nel caso in questione). La protezione di linea MT interviene quando si verificano, contemporaneamente, le seguenti condizioni: V0 > 2V; I0 > 40 mA Angolo fra V0 ed I0 compreso in un determinato intervallo.. Quindi, ipotizzando che l’angolo rientri nel settore di intervento, la protezione interviene per valori di Rg inferiori ad entrambi i limiti, voltmetrico ed ampermetrico, cioè non superiori a 2,2 kΩ ÷ 1,6 kΩ, da cui l’andamento di Figura 1.

Document info
Document views56
Page views58
Page last viewedWed Dec 07 18:31:32 UTC 2016
Pages14
Paragraphs557
Words7935

Comments