X hits on this document

Word document

Linee guida per un orientamento basato - page 25 / 58

173 views

0 shares

0 downloads

0 comments

25 / 58

ad uno. Questo richiede che l’operatore sviluppi delle particolari competenze nella comprensione e nell’espressione in termini di lettura e scrittura.

Come nel caso dell’impatto sull’organizzazione dei servizi professionali, sono da considerare i seguenti aspetti:

L’erogazione a distanza di informazioni e servizi può ridurre il numero di utenti che si reca personalmente ad un centro di orientamento: ciò consente agli operatori di concentrarsi sugli utenti che preferiscono una relazione faccia a faccia;

Lo strumento delle e-mail permette una gestione migliore del tempo dell’orientatore e riduce il tempo di attesa dell’utente al centro;

Precedenti risposte ed informazioni possono essere facilmente memorizzate ed usate nuovamente per richieste identiche;

Le TIC richiedono un maggiore impegno degli orientatori nella selezione dei mezzi appropriati, nell’aggiornamento continuo dei materiali, e perciò nel costante miglioramento professionale.

L’allegato 1 offre un’analisi comparativa dettagliata dei punti di forza, di debolezza, delle opportunità e dei rischi.

II.7. Monitoraggio e valutazione

Il monitoraggio e la valutazione dell’efficacia dei servizi erogati tramite le TIC consente la raccolta di importanti informazioni che possono essere usate per sviluppare, articolare e migliorare i servizi agli utenti. Questo processo è inoltre importante anche per una più efficace organizzazione del lavoro dell’orientatore. Il genere di dati, quantitativi e qualitativi, che possono essere raccolti, varia a seconda del tipo di strumento usato.

Per quei servizi on-line volti a consentire l’auto-consultazione e che non prevedono feed-back o contatto diretto fra utente ed orientatore, non è dato sapere chi sia l’utente. Sarà però possibile ottenere una panoramica dell’utilizzo del servizio, comprendente:

Il numero di contatti ricevuti dall’indirizzo della home page del sito (URL);

I domini web da cui sono stati realizzati i contatti con il sito (questi dati possono identificare la nazionalità del provider che coincide, spesso, con la nazionalità degli utenti);

La durata della connessione al sito;

Le pagine web più e meno visitate;

Durata percentuale di tutti i collegamenti;

Le parole-chiave più cercate (laddove il sito web abbia un motore di ricerca interno);

La provenienza del collegamento (per es. da un altro sito web, da un motore di ricerca, ecc.) e quale browser è stato usato.

Laddove tutti questi dati vengano registrati giornalmente, essi forniscono statistiche e termini di paragone per valutare il servizio complessivamente e quindi per capire se e come i servizi sono usati, se si verificano periodi di picco durante l’anno, se vi sono utenti che visitano i siti web più volte in un certo periodo di tempo e se sussistono criticità da risolvere.

Document info
Document views173
Page views174
Page last viewedSat Dec 10 06:28:34 UTC 2016
Pages58
Paragraphs892
Words21001

Comments