X hits on this document

250 views

0 shares

0 downloads

0 comments

13 / 74

Articolo 3

Modifiche alla legge regionale n. 14/97

1.

All’articolo 2 della legge regionale 21 maggio 1997, n. 14 è così modificato:

a) al comma 1 dopo la lettera “d” è aggiunta la seguente lettera “e”:

   e)  ATO n. 5, denominato “Terra di Lavoro”

b) al comma 3 è aggiunto il seguente comma:

    “4. Tutti i Comuni della Provincia di Caserta che nella cartografia allegata sotto la lettera  A9 assegnati alla ATO n. 2 (Napoli - Volturno) passano alla ATO n. 5 (Terra di Lavoro).”

2. La deliberazione del Consiglio regionale n. 25/1 del 15 novembre 1999 è così modificata:

“a) All’elenco comuni del distretto industriale n. 5 (NA-CE) com-20, sono aggiunti i Comuni di Carinaro e Gricignano.

Commento

La legge regionale n. 14/97 delimita gli Ambiti territoriali ottimali (A.T.O.) per la gestione del servizio idrico integrato secondo criteri di efficienza, efficacia ed economicità.

Gli A.T.O. per la gestione del servizio idrico integrato sono:

a) A.T.O. n.1 denominato CALORE – IRPINO;

b) A.T.O. n.2 denominato NAPOLI – VOLTURNO;

c) A.T.O. n.3 denominato SARNESE – VESUVIANO;

d) A.T.O. n.4 denominato SELE

I confini dei predetti ambiti sono rappresentati nella cartografia allegata sotto la lettera A) alla legge, con l’elenco delle province e dei comuni compresi in ciascun ambito.

L’art. 3 della finanziaria regionale prevede l’individuazione di un A.T.O. aggiuntivo denominato TERRA DI LAVORO; e il passaggio dei comuni della provincia di Caserta dall’A.T.O. n. 2 al nuovo A.T.O. n. 5 TERRA DI LAVORO.    

La disposizione in esame è stata fortemente sostenuta da rappresentanti dell’area di Caserta. Richieste per la nascita di un ambito territoriale tutto casertano sono state fatte anche dalla Provincia di Caserta.

Document info
Document views250
Page views250
Page last viewedFri Jan 20 12:28:55 UTC 2017
Pages74
Paragraphs1062
Words28181

Comments