X hits on this document

204 views

0 shares

0 downloads

0 comments

19 / 74

Articolo 7

Modifiche alla leggi  regionali  n. 7/03 e  n. 8/04

1. All’articolo 16 della legge regionale 14 marzo 2003, n. 7, dopo il comma 1, è inserito il seguente comma:

“1 bis. In relazione  al  livello  qualitativo  ed  alla  risonanza  anche a  livello internazionale delle attività di alta cultura svolte, la Fondazione Donna Regina per le arti contemporanee con sede in Napoli è iscritta nella sezione speciale dell’albo di cui all’articolo 7, comma 1.”

2. All’articolo 2 della legge regionale 12 novembre 2004, n. 8, il comma 8 è sostituito dal seguente:  “8. I  termini  di  cui  al  comma 2 dell’articolo 16 della legge regionale n. 7/03, sono      prorogati al 31 dicembre 2007.”

3. All’articolo 3 della legge regionale n. 8/04, al comma 4, è aggiunto il comma:

“4-bis. Dall’elenco dei beni alienabili ai sensi del comma 3, articolo 25 della legge regionale 6 dicembre 2000, n. 18, è eliminato l’intero cespite immobiliare di via Tarsia – Napoli – civici 38, 30 e 40, numeri d’ordine 188, 187, 183 e 184.”

4. Gli immobili, sedi di teatri di proprietà della Regione che si trovano in zone disagiate individuate dalla Giunta regionale, sono dispensati dal pagamento del fitto per tutta la durata della permanenza della regione Campania nell’obiettivo 1.                                                                     

Commento

La legge regionale n. 7/2003 disciplina gli interventi regionali di promozione culturale, prevedendo, in particolare agli artt.6 e 7, l’istituzione di un Albo regionale delle Istituzioni, Associazioni, Fondazioni, che svolgono attività culturali di preminente interesse regionale. L’iscrizione all’Albo è condizione essenziale per l’accesso ai contributi regionali.

Nell’albo è istituita una sezione speciale per i soggetti cui la regione ha concesso il riconoscimento di “Istituzioni di alta cultura”.

L’art.7 della finanziaria prevede l’iscrizione della Fondazione Donna Regina nella sezione speciale dell’albo.

L’art. 16 della legge n.7/2003 ha previsto l’iscrizione degli Enti e delle Associazioni culturali, già inseriti nell’albo istituito con l.r.49/85, che non sono in possesso dei requisiti per l’iscrizione nell’albo regionale previsto dagli articoli 6 e 7, l’iscrizione, in sede di prima attuazione della legge, nell’albo regionale limitatamente al biennio 2003/2004,  al fine di consentire l’adeguamento ai requisiti previsti.  

La legge regionale n. 8/2004 (legge finanziaria regionale  2004), all’art. 2, comma 8, ha prorogato i suddetti termini al 31-12-2005. Il comma 2 dell’art. 7 prevede la proroga del termine al 31-12-2007.

La legge finanziaria regionale 2004, all’art. 3, indica i cespiti che vanno ad integrare l’elenco dei beni regionali alienabili, quale risulta dalla tabella di cui all’art. 25 della l.r.18/2000. Da tale elenco con l’art. 7 è eliminato il cespite immobiliare di via Tarsia – Napoli.

Document info
Document views204
Page views204
Page last viewedSat Dec 10 06:07:40 UTC 2016
Pages74
Paragraphs1062
Words28181

Comments