X hits on this document

161 views

0 shares

0 downloads

0 comments

49 / 74

8. La regione Campania ed il Consiglio regionale si dotano entro il 2007 per i propri approvvigionamenti, di un sistema e-procurement per esperire gare pubbliche on-line.

9. Gli enti locali in possesso dei requisiti previsti dal decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 e dalla legge 5 gennaio 1994, n. 36  che hanno implementato sistemi informativi in linea con le previsioni della legge 9 gennaio 2004, n. 4 concorrono in via prioritaria all’assegnazione delle risorse nazionali ed europee programmate dalla Regione. Gli altri enti locali hanno accesso privilegiato alle risorse utili al raggiungimento dei citati obiettivi.

10. La Regione Campania, tenendo conto anche degli incentivi previsti dalla presente legge, promuove la costituzione di un fondo per utilizzare energia pulita attraverso l’installazione nelle sedi proprie dei pannelli solari.

11.  All’articolo 11 della legge regionale  29 marzo 2006, n. 6 è aggiunto il seguente comma:

“3. Gli impianti in esercizio per la distribuzione di gpl o metano saranno autorizzati anche alla distribuzione di benzina verde e di ecodiesel”.                                               

12. I termini di cui alla legge regionale 1 febbraio 2005, n. 2 e successive modifiche, sono prorogati a far data dal giorno 8 agosto 2006 fino al 31 dicembre 2007. I  panificatori della regione Campania relativamente alle spese di attuazione della legge regionale n. 2/05 hanno precedenza nell’assegnazione di contributi da parte della Regione sui fondi utilizzabili a tal fine.

13. La regione Campania concede contributi per la realizzazione di impianti di cremazione a favore di comuni singoli o associati, attraverso l’istituzione di un fondo nell’ambito dell’UPB 1.1.6. Per l’esercizio finanziario 2007, il fondo è pari ad euro cinquecentomila. All’onere per gli anni successivi si provvede con legge di bilancio.

14. Al fine di tutelare il patrimonio storico della Regione, è disposta l’acquisizione al patrimonio regionale del Real Sito Borbonico di Carditello, di proprietà del consorzio di bonifica del bacino inferiore del Volturno. La stima del valore del cespite è effettuata dagli organi e dagli uffici all’uopo deputati, e su tale base è definita l’acquisizione per il perfezionamento della quale si provvede con il versamento di tre rate annuali di uguale importo senza oneri finanziari aggiuntivi. L’onere derivante dall’acquisizione del cespite di cui al presente comma grava sui bilanci regionali degli anni 2007, 2008 e 2009 in tre quote di uguale importo.                                                    

15. All’articolo 5, comma 1, della legge regionale 1 settembre 1993, n. 33 “ Istituzione dei Parchi e Riserve Naturali in Campania” alla lettera a) si aggiunge:

“14) Parco Vallo di Lauro-Pizzo d’Alvano”.

16. La Giunta regionale è autorizzata a realizzare operazioni di cartolarizzazione sul patrimonio immobiliare regionale, ai sensi della legge 27 dicembre 2002, n. 289, articolo 84 nonché a promuovere e coordinare operazioni analoghe relativamente ad enti regionali. Il regolamento è approvato dal Consiglio regionale.

17. Al comma 12, articolo 6 della legge regionale 24 dicembre 2003, n. 28 così come integrato dall’articolo 2 della legge regionale 29 dicembre 2005, n. 24 dopo la parola “cartolarizzazione” è aggiunto: “La conseguente obbligazione di pagamento è oggetto di impegno pluriennale di spesa verso la Special Purpose Vehicle –SPV- ai sensi dell’articolo 12, comma 1, lettera c), e dell’articolo 33, comma 5, della legge regionale 30 aprile 2002, n. 7 nonché di ruoli di spesa fissa ai sensi dell’articolo 35, comma 3, della medesima legge”.

18. L’esecuzione delle attività di accesso, ispezione e verifica per il controllo dei tributi regionali previsti dalla legislazione nazionale e regionale effettuata dal personale dipendente della Giunta regionale, su incarico del dirigente competente per materia, si svolge secondo le modalità e con i poteri previsti del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, articolo 52, e del  decreto del Presidente della Repubblica  29 settembre 1973, n. 600, articolo 33.

19. La ragioneria regionale è autorizzata a provvedere d’ufficio, ad avvenuta acquisizione degli atti giustificativi della spesa sostenuta dal tesoriere regionale, all’emissione dei mandati di pagamento per la regolarizzazione dei sospesi di tesoreria contabilizzati a tutto il 31 dicembre 2006 a seguito di provvedimenti esecutivi dell’autorità giudiziaria mediante imputazione delle somme occorrenti, compresi gli oneri accessori, sul capitolo di bilancio all’uopo istituiti.

Document info
Document views161
Page views161
Page last viewedMon Dec 05 06:26:09 UTC 2016
Pages74
Paragraphs1062
Words28181

Comments