X hits on this document

180 views

0 shares

0 downloads

0 comments

54 / 74

 9) Monti Eremita – Marzano

 10) Foce Sele e Tanagro

 11) Lago Falciano

Un ulteriore parco naturale, il Parco Vallo di Lauro-Pizzo d’Alvano viene introdotto al punto 12) del suesposto articolo.

Comma 16 - 17 (Cartolarizzazione) Con la finanziaria regionale si autorizza la Giunta regionale a realizzare delle operazioni di cartolarizzazione sul patrimonio immobiliare regionale così come previsto dalla l.r. 289/2002, (Legge Finanziaria nazionale 2003), ed a promuovere e coordinare operazioni simili relativamente ad enti regionali. Inoltre sempre in tema di cartolarizzazione, all’art. 6 della l.r. n. 28/2003 “Disposizioni urgenti per il risanamento della finanza regionale”, relativo al “Consolidamento del debito e razionalizzazione della gestione dei servizi nelle aziende sanitarie locali e nelle aziende ospedaliere”, il comma 12 così dispone: “La So.Re.Sa. s.p.a. ha facoltà di porre in essere quanto necessario alla formazione di una Special Porpuse Vehicle -S.P.V.- di cui alla legge 30 aprile 1999, o comunque di partecipare alla formazione di tale società o di identificare tale società tra quelle attualmente esistenti sul mercato, nell'operazione di eventuale cartolarizzazione. Le AA.SS.LL. e le AA.OO. della regione Campania sono tenute a fornire, su richiesta, alla So.Re.Sa. s.p.a. ogni documentazione necessaria e utile per l'esatta definizione della debitoria pendente”.

Si è disposto, inoltre, che la conseguente obbligazione di pagamento derivante dall’operazione di cartolarizzazione sarà oggetto di un impegno pluriennale di spesa verso la S.P.V., così come previsto dall’Ordinamento contabile della Regione Campania (l.r. n. 7/2002), oltrechè di ruoli di spesa fissa ai sensi della medesima legge.

Comma 18 (Controllo tributi regionali) Le attività di accesso, ispezione e verifica per il controllo dei tributi regionali previsti dalla legislazione nazionale e regionale effettuata dal personale dipendente della Giunta regionale, su incarico del dirigente competente per materia, si svolgeranno secondo quanto disciplinato dal D.P.R. 633/1972 indicante le “Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi”, e dal D.P.R. n. 600/1973 riguardante la Istituzione e la disciplina dell’IVA.

Comma 19 (Regolarizzazione sospesi di tesoreria) Allo scopo di consentire una celere regolarizzazione dei sospesi di tesoreria contabilizzati entro il 31 dicembre 2006 a seguito di provvedimenti dell’autorità giudiziaria, la ragioneria è autorizzata ad emettere d’ufficio i relativi mandati di pagamento, una volta avvenuta l’acquisizione degli atti giustificativi della spesa; e a darne comunicazione all’area di coordinamento avvocatura.

Comma 20 (Vendite fine stagione) La l.r. n. 1/2000 contenente le direttive regionali in materia di distribuzione commerciale all’art. 20 “Vendita di liquidazione e vendita di fine stagione”, stabiliva: “Le vendite di fine stagione sono effettuate in periodi e con modalità stabiliti ogni anno dall’Assessore regionale al commercio almeno  quaranta giorni prima della data di inizio delle vendite, sentite le organizzazioni rappresentative dei consumatori e delle imprese del commercio”. Con la finanziaria regionale le vendite di fine stagione possono essere effettuate solo in due periodi dell’anno, stabiliti dal Comune, anziché dall’Assessore regionale al commercio. Nel caso di mancata emissione del provvedimento comunale, le vendite di fine stagione dovranno essere svolte rispettivamente dal 2 gennaio e dal 2 luglio di ogni anno.

Commi 21 - 22 (Cessione crediti imprese) E’introdotta la possibilità per le imprese creditrici nei confronti della Regione di cedere i crediti vantati a una banca o un intermediario finanziario anche mediante scrittura privata autenticata. Tale cessione diviene efficace previa comunicazione, con lettera raccomandata, alla Regione, da parte del cessionario.

Comma 26 (Comunità montane) La l.r. n. 6/98 “Nuovo ordinamento e disciplina delle Comunità montane”, all’art. 1 elenca per ciascuna provincia le varie Comunità montane. Per quanto riguarda la provincia di Caserta, alla Comunità montana Zona Monte Santa Croce è stato aggiunto l’ulteriore Comune di Teano.

Comma 27 (L.r. n. 51/78) Gli enti locali beneficiari dei contributi previsti dalla l.r. n.51/78

Document info
Document views180
Page views180
Page last viewedWed Dec 07 20:39:10 UTC 2016
Pages74
Paragraphs1062
Words28181

Comments