X hits on this document

186 views

0 shares

0 downloads

0 comments

65 / 74

Art. 38

Reddito di cittadinanza

1. E’ prorogata per l’anno 2007 la sperimentazione del reddito di cittadinanza di cui alla legge regionale 19 febbraio 2004, n. 2, assicurando copertura agli aventi diritto fino alla concorrenza della somma complessiva di euro 30 milioni.

2. Alla copertura delle ulteriori necessità, per assicurare l’erogazione per l’intero anno solare, quantificate in euro 50 milioni, si provvede mediante richiesta al Governo centrale di concorso da parte dello Stato. In mancanza, la Giunta regionale provvede  a definire soluzioni alternative.

3. Quota parte del fondo di cui alla legge regionale 24 dicembre 2003, n. 28, articolo 1, comma 1, iscritto nel bilancio 2004 nella UPB 4.15.38 e non utilizzato al 31 dicembre 2006 pari a 30 milioni di euro, è reiscritto nel bilancio 2007 per essere destinato agli interventi di interesse sociale di cui al comma 1, in applicazione dell’articolo 1, comma 4, della legge regionale n. 28/03. Per la copertura finanziaria si fa fronte con quota parte del risultato di amministrazione-avanzo di amministrazione.

Commento

La legge regionale n. 2/2004 ha istituito in via sperimentale il reddito di cittadinanza,  come misura di contrasto alla povertà e all’esclusione e come strumento teso a favorire condizioni efficaci di inserimento lavorativo e sociale. Il reddito di cittadinanza consiste in un’erogazione monetaria per un massimo di euro 350,00 mensili per nucleo familiare e interventi mirati all’inserimento scolastico, formativo e lavorativo dei singoli componenti. L’articolo in esame prevede la proroga anche per il 2007 della suddetta sperimentazione, assicurando una copertura finanziaria fino a euro 30 milioni.

Per la copertura di ulteriori esigenze, si provvederà mediante richiesta al Governo centrale di concorso da parte dello Stato.

La legge regionale n. 28/2003 (Disposizioni urgenti per il risanamento della finanza regionale) ha previsto, all’articolo 1, l’iscrizione nel bilancio regionale di un fondo da utilizzare prioritariamente per il rafforzamento delle ASL o per l’incremento di capitale della So.Re.Sa. La quota non utilizzata in ciascun esercizio finanziario è riassegnata alla spesa nell’esercizio successivo per le medesime finalità, o può essere destinata, con apposita norma della legge finanziaria, ad interventi di interesse sociale. Sulla base di tale disposizione l’art. 38 in esame dispone la destinazione di una quota di tale fondo, pari 30 milioni di euro, al reddito di cittadinanza.

Document info
Document views186
Page views186
Page last viewedThu Dec 08 12:21:39 UTC 2016
Pages74
Paragraphs1062
Words28181

Comments