X hits on this document

33 views

0 shares

0 downloads

0 comments

2 / 10

Per leggere l'intero articolo:

http://www.nonprofitonline.it/openrss?did=4836347

Fonte:

http://www.nonprofitonline.it

2444_2009 Il Comune di Ferrara patrocina solo eventi accessibili

FERRARA - Il patrocinio del Comune solo ad iniziative accessibili anche ai cittadini disabili. E' il nuovo corso varato a Ferrara dalla giunta del sindaco Tiziano Tagliani, in attesa della nuova regolamentazione sulle richieste di sostegno.

D'ora in poi, e' la decisione dell'amministrazione comunale, il patrocinio non verra' piu' concesso a soggetti o associazioni ma a specifiche iniziative e manifestazioni, che dovranno rigorosamente essere accessibili ai disabili. A breve, rende noto l'amministrazione, sul sito internet del Comune sara' disponibile il fac simile necessario per formulare la richiesta di patrocinio.

Fonte:

http://pressin.comune.venezia.it/

2445_2009 Leggermente Atletici 2009

La Cooperativa sociale Girogirotondo di Comacchio organizza da alcuni anni il meeting sportivo  “Leggermente atletici” rivolto a persone con disabilità. L’iniziativa è giunta, quest’anno, alla sua quarta edizione e prevede di coinvolgere circa 150 atleti ospiti dei centri socio-riabilitativi e dei laboratori protetti o soci di associazioni e cooperative della provincia di Ferrara.

L’appuntamento, ormai atteso dalle persone con disabilità, sta diventando importante e significativo non solo per l’opportunità che offre ai disabili stessi di vedere riconosciuti i loro diritti, tra i quali quello di praticare lo sport, ma anche per il contributo che porta all’intera società nella diffusione di un’autentica cultura della diversità.

PROGRAMMA:

Lo svolgimento del meeting sarà articolato su due giornate:

Prima giornata (15 settembre 2009): Orienteering, CENTRO STORICO DI COMACCHIO. Ritrovo ore 10.00, presso Laboratorio Protetto “Dune di Sabbia”-Via Monsignor Manfrini s.n.c. Pranzo tutti insieme

Seconda giornata (16 settembre 2009): gare di atletica leggera, CENTRO SPORTIVO RAIBOSOLA – Comacchio. Ritrovo ore 14.30

Per maggiori informazioni:

Cooperativa Sociale Girogirotondo O.n.l.u.s. Dune di Sabbia

Tel. 345.6903765 - 0533.314658 - dune.girotondo@libero.it

2446_2009 Disabili e sindacati insieme: ''La scuola a Bologna nega l'inclusione''

BOLOGNA. Una scuola che "nega l'accoglienza e l'inclusione". E' quella che si aspettano per il prossimo anno scolastico Cgil-Cisl-Uil insieme alle sigle aderenti al Comitato delle associazioni dei disabili (Cad), esprimendo "forte preoccupazione" per le condizioni in cui le scuole bolognesi si apprestano a riaprire i battenti.

"Per quel che riguarda l'integrazione degli alunni disabili non ci tranquillizza la progressiva stabilizzazione in organico di diritto dei docenti di sostegno, frutto della Finanziaria 2007- spiega una nota congiunta- ne' la sostanziale riconferma in organico di fatto dei posti di sostegno dello scorso anno", lontani da quella "continuita' e preparazione del personale di sostegno che da anni auspichiamo perche' circa il 50% dei docenti di sostegno e' ancor oggi precario". Al di la' del sostegno, continuano sindacati e associazioni, "e' la scuola tutta ad essere tagliata, in dimensioni e forme tali da metterne a rischio la missione costituzionale di accoglienza e formazione di tutti i cittadini". La nota sottolinea l'aumento degli alunni per classe (anche oltre i 30), l'abrogazione "di fatto" della norma che limitava a 20 il numero degli alunni in un'aula in cui fosse presente un ragazzo disabile, la riduzione del tempo scuola. "Un taglio complessivo di 579 unita' di personale docente e non docente a fronte di circa 3.000 studenti in piu'- incalzano sindacati e Comitato- non solo lascia del tutto inevasa la domanda delle famiglie di scuola dell'infanzia", ma non garantisce "addirittura l'apertura delle scuole". Classi numerose, spezzettamento disciplinare, voti decimali e rotazione "anche di 7-8 docenti fin dalle prime classi delle elementari" produrranno il passaggio "da un insegnamento individualizzato alla lezione frontale e alla cancellazione dei laboratori".

Questo tipo di scuola che "nega l'accoglienza e l'inclusione produrra' l'aumento del disagio in primo luogo dei ragazzi con bisogni speciali- si legge nella nota- ma anche esclusione di tutti coloro che non riusciranno a rispettare tempi e metodi d'apprendimento non consoni alla propria persona".

E in Emilia-Romagna si aggiungono anche "le conseguenze dell'interpretazione assolutamente restrittiva (quando non arbitraria) della normativa adottata dalla Regione" che, "nonostante la tutela della dislessia assicurata dall'accordo provinciale di programma, ha portato alla decertificazione di 161 studenti in organico di diritto nella scuola bolognese". Ovvero ragazzi che "improvvisamente non potranno piu' contare sugli aiuti previsti dalla legge 104". Sindacati e associazioni, quindi, non intendono "assistere passivamente alle conseguenze che tali provvedimenti fatti dl tagli e incompetenza produrranno", affermando "un'assoluta contrarieta' al disinvestimento sulla scuola di tutti e sull'intero sistema di protezione sociale e la propria collocazione a fianco della

Document info
Document views33
Page views33
Page last viewedSun Jan 22 18:41:49 UTC 2017
Pages10
Paragraphs256
Words6481

Comments