X hits on this document

78 views

0 shares

0 downloads

0 comments

23 / 27

I Grandi Parchi Americani

http:/www.msereno1970.com

iniziare la gita, dove scopriamo che l'autobus per la gita è gia partito!! insomma i tizi del Super 8, tanto gentili e disponibili, hanno fatto casino, meglio andare al visitor center (all'ingresso del parco) e prenotare la gita da li. Riusciamo comunque a raggiungere gli altri "gitanti" del gruppo con tanto di ranger guida identico a Babbo Natale!!! Qui vediamo bombardati di domande sull'Europa dagli altri gitanti, tutti americani.

Il Parco di Mesa Verde rappresenta per gli Stati Uniti quello che l'antico Egitto rappresenta per noi europei: la testimonianza di vita e opere di un grande popolo indiano denominato Pueblos, o Anasazi, da cui derivano tutte le altre tribù del sud-ovest. Il parco (a oltre 2200 metri d'altezza!) consiste di tanti insediamenti degli indiani Anasazi, con le loro caratteristiche costruzioni incassate sotto gli enormi costoni rocciosi del canyon. È anche possibile vedere come si svolgeva la loro vita quotidiana. La guida fa un poco ridere, banfa sull'antichità della loro civiltà (vecchia di dieci secoli....ullalà.....) millantandola come piu' antica di quelle europee....

Terminato il giro torniamo a Cortez e pranziamo da Antonio's, altro ristorante messicano dove mangiamo bene. In generale a Cortez le persone sono molto più "open minded" che negli altri posti visitati fino ad ora. Molti sono affabili e chiacchieroni e appena scoprono la nostra origine europea attaccano un bottone tremendo.

Da Cortez ci dirigiamo verso Durango (sulla route 160), dove ci fermiamo a fare la spesa in un Wal Mart, una specie di Supermercato gigante dove i prezzi, inferiori a quelli italiani su quasi tutto, mi fanno un poco incazzare. Arrivati a Pagosa Springs nel Colorado, ci spostiamo sulla route 84 in direzione Santa Fe, qui il paesaggio cambia completamente: dal deserto con i cactus alle foreste di pini con tanto di laghi e distese verdi immense che mi fanno, ancora una volta, innamorare della bellezza naturale di questo continente. Proseguiamo per Santa Fe e pernottiamo a Santa Margherita (poco lontano da Santa Fe) in un Super 8 veramente brutto (il peggiore di tutti quelli incontrati).

Santa Fe e il Petrified Forest and Painted Desert National Park 12 luglio 2004

La mattina successiva visitiamo Santa Fe. La cittadina è carina, le abitazioni, in stile 'Adobe', caratteristico di questa parte del New Mexico, sono belline. Noi visitiamo il centro storico che ci lascia un'impressione strana: ha un'impronta indiana e "latina" allo stesso tempo, sembra di essere in Messico! L'anima americana la si nota quando ci si accorge che tutte le abitazioni sono "finte" nel senso che sono tutte costruzioni moderne rifatte sui vecchi stili. Mangiamo in un bel localino consigliatoci dalla guida (La Casa Sena) .

Visitata Santa Fe ci dirigiamo verso Albuquerque sulla route 25, proseguiamo per Gallup sulla route 40 e indi per Holbrook sempre sulla route 40. Al confine con L'Arizona, presso il Visitor Center di Lupton nella prima area di servizio della Route 40 in Arizona, troviamo la Travel Coupon Guide che dà diritto a molti sconti nei motel, averla trovata prima!! Pernottiamo a Holbrook al Best Western Arizonian Inn per la ridicola cifra di 50 dollari, con piscina e colazione inclusa. Tra l'altro il Motel è nei pressi del Wigwam Motel celebre pezzo di storia della route 66.

pagina 23 di 27

Document info
Document views78
Page views78
Page last viewedSun Dec 11 04:42:13 UTC 2016
Pages27
Paragraphs285
Words11955

Comments