X hits on this document

PDF document

CODICE DEONTOLOGICO TESTO VIGENTE - page 2 / 13

25 views

0 shares

0 downloads

0 comments

2 / 13

ARTICOLO 14

ARTICOLO 14

Dovere di verità

Dovere di verità

Le dichiarazioni in giudizio relative alla esistenza o inesistenza di fatti obiettivi, che

siano presupposto provvedimento del

specifico magistrato,

e

per di

un cui

l’avvocato abbia diretta conoscenza, devono

essere vere.

I.

L’avvocato

non

può

introdurre

intenzionalmente nel processo prove false. In particolare, il difensore non può assumere a verbale né introdurre dichiarazioni di persone informate sui fatti che sappia essere false. II. L’avvocato è tenuto a menzionare i provvedimenti già ottenuti o il rigetto dei provvedimento richiesti, nella presentazione di istanze o richieste sul presupposto della medesima situazione di fatto.

Le dichiarazioni in giudizio relative alla esistenza o inesistenza di fatti obiettivi, che siano presupposto specifico per un provvedimento del magistrato, e di cui l’avvocato abbia diretta conoscenza, devono essere vere e comunque tali da non indurre il giudice in errore. I. L’avvocato non può introdurre intenzionalmente nel processo prove false. In particolare, il difensore non può assumere a verbale né introdurre dichiarazioni di persone informate sui fatti che

menzionare

i

il rigetto

dei

sappia essere false. II. L’avvocato è provvedimenti già

tenuto

a

ottenuti

o

provvedimento richiesti, nella presentazione di istanze o richieste sul presupposto della medesima situazione di fatto.

ARTICOLO 15

ARTICOLO 15

Dovere di adempimento previdenziale e fiscale

Dovere di adempimento previdenziale e fiscale

L’avvocato deve provvedere agli adempimenti previdenziali e fiscali a suo carico, secondo le

L’avvocato deve tempestivamente

provvedere regolarmente e agli adempimenti dovuti agli

norme vigenti.

organi

forensi

nonché

agli

adempimenti

I. In particolare l’avvocato è tenuto a previdenziali e fiscali a suo carico, secondo le corrispondere regolarmente e tempestivamente norme vigenti. i contributi dovuti agli organi forensi e all’ente previdenziale.

ARTICOLO 16 Dovere di evitare incompatibilità

ARTICOLO 16 Dovere di evitare incompatibilità

E’ dovere dell’avvocato evitare situazioni di incompatibilità ostative alla permanenza nell’albo, e, comunque nel dubbio, richiedere il parere del proprio Consiglio dell’Ordine. I. Costituisce infrazione disciplinare l’avere richiesto l’iscrizione all’albo in pendenza di cause di incompatibilità, non dichiarate, ancorché queste siano venute meno

E’ dovere dell’avvocato evitare situazioni di incompatibilità ostative alla permanenza nell’albo, e, comunque nel dubbio, richiedere il parere del proprio Consiglio dell’ordine. I. L’avvocato non deve porre in essere attività commerciale o di mediazione. II. Costituisce infrazione disciplinare l’avere richiesto l’iscrizione all’albo in pendenza di cause di incompatibilità, non dichiarate, ancorché queste siano venute meno.

ARTICOLO 17 Informazioni sull’esercizio professionale

ARTICOLO 17 Informazioni sull’attività professionale

E’ consentito all’avvocato dare informazioni sulla propria attività professionale, secondo correttezza e verità, nel rispetto della dignità e del decoro della professione e degli obblighi di segretezza e riservatezza. L’informazione è data con l’osservanza delle

L’avvocato può dare informazioni sulla propria attività professionale. Il contenuto e la forma dell’informazione devono essere coerenti con la finalità della tutela dell’affidamento della collettività. Quanto al contenuto, l’informazione deve essere

2

Document info
Document views25
Page views25
Page last viewedTue Dec 06 10:26:52 UTC 2016
Pages13
Paragraphs562
Words6419

Comments