X hits on this document

776 views

0 shares

0 downloads

0 comments

113 / 299

mettendo da parte ogni contrasto: un esempio lampante è l’utilizzo di orchi e gobelin nell’esercito del Lupo Bianco, che nel 2011 D.N. ottenne numerose vittorie.

Una caratteristica che contraddistingue i gobelin è la formidabile capacità di apprendimento con cui essi riescono ad apprendere tecniche, usi e costumi di altre razze, semplicemente restandone a contatto di esse per un periodo di tempo prolungato. E’ possibile trovare quindi gobelin impiegati come apprendisti in botteghe e fucine, o altri con una capacità lessicale fuori dal normale e tanto altro ancora. Questa capacità che essi hanno è strettamente legata ad un naturale interesse e  stupore per tutto ciò che in qualche modo colpisce la loro curiosità, come può essere uno strano marchingegno, una magia spettacolare, lo sfarzo di una collezione d’arte, ecc…; ma l’interesse non termina qui, poiché i gobelin in seguito cercheranno di carpire i segreti della fonte del loro stupore, per essere capaci poi di emularla.

Lo spirito di emulazione li porta ad apprendere gli aspetti pregevoli delle altre razze, ma allo stesso modo il tempo prolungato trascorso con altri esseri diversi da loro fa si che si abituino in molti casi anche ai differenti stili di vita, dai quali possono trarre aspetti negativi come l’attaccamento al denaro, la sete di sangue e così via.

I gobelin sono considerati dalla società civile una razza inferiore, un misto fra un animale e un uomo, un essere che nella sua semplicità può risultare imprevedibile. Essi vengono tollerati all’esterno dei luoghi abitati, mentre all’interno di essi non vengono accettati se non come schiavi, utilizzati come manovalanza in varie occupazioni in cui la loro corporatura esile li avvantaggia, come ad esempio per il lavoro in miniera o più in generale per tutte le opere in cui vi è un alto rischio di morte, per non rischiare inutili vite umane. Un altro caso in cui essi vengono accettati è il caso di ambascerie per regolare rapporti tra il mondo civilizzato e quelle comunità che vogliono mantenere la loro indipendenza in modo pacifico con le altre realtà territoriali. Ci sono poi realtà politiche più liberali rispetto alle tendenze generali, che riconoscono pari diritti alla razza gobelin, anche se negli anni è sempre più raro trovarne degli esempi concreti.

Requisiti scenografici: orecchie a punta, pelle di varie tonalità di verde, grigio, marrone e giallognola in base alla provenienza.

Relazione con le altre razze

I Gobelin hanno rapporti fissi solo con un’altra razza, gli Orchi, che servono in qualità di servi e genieri. Per le altre razze, i Gobelin sono qualcosa di infido e inaffidabile, capaci di cose utili, ma anche capaci di grandi malvagità. Per l’uomo medio, il gobelin è il fratello minore degli orchi, più piccolo, ma più infido. I gobelin comunque, a meno chen o siano in numero molto elevato, tendono ad essere molto timorosi verso le altre razze.

Giovanni Dionisi

Torna all’Indice

f)Orchi

Forti, selvaggi e brutali, questa è la visione degli orchi più diffusa nel mondo.

Differentemente dai luoghi comuni però, l’orco è una delle creature più versatili tra gi esseri viventi, capace di grandi adattamenti fisici a seconda delle esigenze.

Purtroppo però se il loro fisico e straordinariamente evoluto le loro menti sono estremamente limitate; non è impossibile che un orco sappia leggere o sia dotato di una modesta cultura, ma difficilmente cambierà idea su argomenti che lui reputa importanti, spesso anche se non ha mezzi per sostenere le sue idee. Al contrario del loro fisico, le loro menti si adattano difficilmente  a situazioni a loro aliene; questo anche perché la loro cultura non educa affatto alla convivenza con

Document info
Document views776
Page views776
Page last viewedThu Dec 08 12:20:09 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments