X hits on this document

786 views

0 shares

0 downloads

0 comments

117 / 299

come emozione prevalente la ferocia che viene spesso associata al Dio Kin, ma è affiliato al tempio di Kinich cittadino dove ha recentemente prestato giuramento come paladino.

Stessa cosa vale per coloro che sono di origine demoniaca. Ho appreso che recentemente è stato catturato e ucciso un appartenente a questa stirpe di cui ignoro il neme e le origini. é stato catturato dall'inquisizione neapolitana, sembra che si sia macchiato di numerosi ed efferati crimini di sangue dove in seguito stuprava le sue vittime, difatti la sua emozione preponderante era la lussuria.

Invero ho conosciuto di persona un appartenente a questa stirpe, un certo Stanislao Markovic, proviene dall'Illiria e serve in una compagnia mercenaria di Florenzia, la sua emozione preponderante è la tristezza, ma anche se di chiara origine demoniaca non sembra proprio un individuo pericoloso.

Una cosa che però accomuna tutti quanti, Celestiali e Infernali, è il senso di superiorità. Sono consapevoli delle loro origini, e si sentono portavoci di verità superiori, il cui scopo non può esser nemmeno lontanamente colto dalle menti dei comuni mortali.

E qui mi pongo l'interrogativo fondamentale: qual'è il loro scopo? La risposta non è semplice, c'è chi afferma che siano soltanto un "errore", uno scarto dell'essenza divina scivolata non si sa come nel mondo, c'è chi dice che siano angeli che si sono macchiati di qualche colpa imperdonabile nell'Empireo e che siano stati esiliati a vivere tra i mortali, alcuni teorizzano che facciano parte delle legioni celesti e che vengano mandati sulla terra quando le guerre fra gli Dei si placano e non sono più utili.

Forse è inutile porsi questo interrogativo, forse è vero quello che affermano, sono portatori di verità superiori e noi comuni mortali non dobbiamo cercare di discernere l'indiscernibile

Maltesio Longardo, Custode della Confraternita del Sapere, trattato sulle stirpi Divine.

Creature abbiette, un insulto a tutto ciò che è Divino. Sono creature che si sono macchiate di spregevoli atti sul piano Celeste, o peggio ancora da quello Infernale. Ripudiate come aberrazioni dagli Dei sono state gettate sul piano materiale, per dare modo a noi di purificarle con il Sacro Fuoco.

Si presentano sotto forme ingannevoli, sembrano quasi emanare un'aura divina, per ingannare il cuore degli stolti e spingerci a considerali normali.

Non fate questo errore Fratelli miei, non fate filtrare nel vostro cuore emozioni di pietà nei confronti di questi Abomini, perchè di questo si tratta, Abomini della peggior specie, subdoli e ingannevoli, dotati di intelligenza malvagia.

Ferma la mano, puro il cuore, andate e portate la luce tra le tenebre che attanagliano il mondo.

Discorso del Sommo Inquisitore della Cuore Purpureo Germano Peligeri, durante il rogo di un Celestiale a Neapolis.

N.B: Il seguente documento non è noto a nessuno in gioco, tranne agli stessi Celestiali o Stirpe Infernali.

L'uomo non può comprendere la nostra natura, noi stessi fatichiamo a comprenderla.

Ci ritroviamo catapultati su di un piano dell'esistenza che non ci appartiene, vagamente consapevoli di quello che eravamo e del perchè siamo qui.

Molti credono che ci sia uno scopo, ma nessuno riesce a ricordarlo.

Forse è il trauma, forse è un disegno prestabilito, quel che è certo è che sono in molti a rifiutarsi di combattere una battaglia di cui non sanno nulla.

L'unica cosa certa è che siamo stati mandati durante le Guerre Celesti, è per questo che molti di noi si schierano dalla parte di uno degli Dei, cercano di darsi uno scopo. Qui però abbiamo acquisito una possibilità che sono certo prima non avevamo, il libero arbitrio. Possiamo scegliere con chi schierarci, per chi combattere, o anche di portare avanti una vita "Normale" tentando di scimmiottare le creature mortali. Abbiamo dei limiti però. Non possiamo schierarci con il Nemico, ne il Nemico può schierarsi dalla nostra parte, c'è chi ci ha provato ed è semplicemente scomparso.

Di certo non siamo abomini o aberrazzioni come alcuni credono, anzi tutto il contrario, siamo

Document info
Document views786
Page views786
Page last viewedThu Dec 08 16:37:05 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments