X hits on this document

766 views

0 shares

0 downloads

0 comments

129 / 299

della Confederazione, e il confine meridionale con i territori della città di Senagallica, contesi tra i vernentiani, stabiliti in città e sulla costa, e la Confederazione Ethulica,  insediata nell’interno. Collefiorito, la fortezza gradarese più a sud, sorge sulle rive del fiume Metauro, che segna il confine a sud tra il Regno di Gradara e i domini dei vernentiani a Senagallica. Sono in costruzione anche fortificazioni presso il porto e la città di Cattolica,  e presso il confine nord, sulla strada per Caesena. Il regno ospita molte zone adibite all’agricoltura, e a parte Gradara, Cattolica e Collefiorito, gli altri insediamenti sono borghi piuttosto piccoli, di rado difesi da più che palizzate in legno, abitati per lo più da contadini e soldati in fermo. Molte di queste zone sono rimaste molto provate dalle invasioni dei drow, e interi villaggi si sono spopolati. Molti, spaventati dalle possibili razzie, si sono diretti verso la sicurezza delle tre maggiori città. Nei primi mesi del 2012, il Concilio delle quattro famiglia ha cercato di invertire questa tendenza, istituendo pattuglie più fitte nei borghi e cercando di istituire ogni genere di sovvenzioni per far riprendere l’agricoltura. Le misure sembrano comunque aver sortito qualche effetto, soprattutto da quando molti fondi della Confederazione Ethulica, stanno venendo impiegati per potenziare le difese in tutto il regno.

Religione

Gradara da sempre ha mostrato un attaccamento molto forte verso le divinità e la religione, ospitando i templi di quasi tutte le religioni, Atachel e Anthea incluse. Ad inizio 2012, I templi dei Cinque Dei, sono presenti in città, retti ognuno dal proprio Grande Sacerdote. Il culto di Anthea, dopo essere stato per anni il principale in Anairon, nel 2011, per ordine della regina Lucrezia, venne dichiarato eretico, e al giorno d’oggi, il Concilio, ha confermato tale sentenza. Nel luogo in cui un tempo sorgeva il Tempio, ora sta sorgendo un Mausoleo in onore di Aureliano, finanziato con i soldi di tutte e quattro le famiglie. I lavori proseguono alacremente, e dovrebbero essere completati a breve.

Le Leggi del Concilio

1)

Il Concilio delle Quattro Famiglie governerà d’ora innanzi il Regno di Gradara, e ogni tre mesi, una delle famiglie, a turno, ricoprirà il ruolo di Ductus.

2)

Le Quattro Famiglie, i Colonna, Gli Iseldi, i Mirandola e i Montefosco, dovranno sempre cercare di cooperare per il bene del Regno, anteponendo sempre gli interessi dello stesso, agli interessi delle singole famiglie.

3)

In città potrà essere praticato solo il Culto dei Cinque Dei. I fedeli della Triade, di Gaia, e di Anthea verranno imprigionati, e se continueranno a perdurare nei loro ideali, giustiziati.

4)

Chiunque, senza distinzione di rango o classe, sia sorpreso ad uccidere una guardia cittadina, subirà un processo ad opera del gran giudice cittadino, che deciderà se applicare delle attenuanti, o direttamente la pena di morte.

5)

Chiunque miri a destabilizzare l’ordine costituito, verrà processato per Alto Tradimento, e messo a morte.

6)

Chiunque attenti alla vita di un membro delle Quattro famiglie, verrà processato, e, se trovato senza attenuanti, messo a morte.

7)

Il Gran giudice cittadino sarà nominato dal Concilio delle quattro famiglie, e rimarrà in carica per un anno, o fino a che il Consiglio decida diversamente.

8)

Tutti potranno divenire cittadini di Gradara, purchè in possesso di un regolare lavoro di utilità al Regno, o purchè serventi presso una qualche istituzione in qualità di famigli.

9)

Ogni istituzione, salvo diversa comunicazione, potrà avere un massimo di tre famigli armati, dediti alla protezione. Tali famigli dovranno essere dichiarati al Concilio ogni mese, e sarà lo stesso capo dell’Istituzione a provvedere a questo. Il mancato segnalamento provocherà una multa di 1 Falco pero gni famiglio non dichiarato.

Document info
Document views766
Page views766
Page last viewedThu Dec 08 04:56:58 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments