X hits on this document

700 views

0 shares

0 downloads

0 comments

146 / 299

del potere del Dio.

Infatti, come segno di rispetto, i Custodi che si specializzano unicamente nella Sfera del Fuoco vengono chiamati, anziché semplicemente "Custodi della Fiamma", "Custodi della Fiamma Immacolata".

I maghi particolarmente dotati nel trattare con il sovrannaturale vengono generalmente inviati al Tempio del Patto Celeste, l'unico tempio di Neapolis costruito all'esterno delle mura cittadine: si trova infatti sull'orlo della Montagna di Fuoco, ed è costruito esattamente sul luogo dove, secondo la leggenda, Kinich sancì con i popoli che vivevano alle sue pendici il patto che portò alla nascita di quello che poi sarebbe diventato il primo insediamento della futura Neapolis. In questo tempio si trova la base degli Esorcisti Consacrati di Neapolis, un ordine dedito all'estirpazione delle forze del male sovrannaturale, alla pacificazione ed alla trattativa con gli spiriti ed alla distruzione dei non-morti e di simili orrori.

Veri professionisti dell'occulto, gli Esorcisti Consacrati hanno un'incredibile libertà di azione ed una vasta quantità di poteri conferitigli dal papa, che permette loro anche di fare cose altrimenti impensabili, come bloccare processi ed esecuzioni (è spesso accaduto che imputati incriminati di crimini di natura sovrannaturale venissero salvati in extremis dal rogo da investigatori Esorcisti Consacrati con alla mano il vero colpevole), sospendere funzioni religiose, entrare dovunque senza alcun mandato e persino incriminare cardinali ed alti ufficiali.

Il Divino

Nella città di Neapolis ci sono quarantanove templi maggiori (ed almeno cento templi minori) dedicati a Kinich, il maggior numero presente in qualsiasi altra città del mondo conosciuto. Di tutti questi templi, però uno solo è dedicato a "Kinich indiviso", cioè non incentrato anche sulla figura di un Santo: il "Templum Solis", il tempio centrale, sede del papato e del Collegio Cardinalizio. Si dice che il Templio sorga sullo stesso edifico edificato millenni prima da Fulgenzio Magno, il primo Papa della storia neapolitana.

Gli altri quarantotto templi maggiori sono tutti dedicati anche ad un Santo e posti sotto l'amministrazione di uno dei quarantotto Cardinali Urbani (che quindi, per estensione, sono responsabili anche di alcuni dei templi minori vicini).

Tutti i templi sono in marmo bianco, costruiti con pianta a croce, e rivolti in maniera particolare, con una finestra o un'apertura disposta in modo che, il giorno del solstizio d'estate, il sole batta esattamente sull'altare al centro del tempio, che custodisce la Sacra Fiamma. Per questo molti templi sono costruiti al termine di larghe strade: per lasciare alla luce un corridoio per raggiungerlo all'angolazione giusta anche quando il sole è basso sull'orizzonte, senza venire ostruita da palazzi vicini.

Spesso i templi seguono nell’arredo le gesta dei Santi. Arredati alla orientale, con enormi cuscini e candelabri bassi, quelli che riguardano Santi provenienti dall’Asa, così come altri più militaristi e spartani, del Reich; gli esempi possono essere infiniti.

In tutta la città ci sono solo due templi di Itzamna: uno è una vasta costruzione incorporata nel cerchio più interno delle mura, in gran parte sotterranea (ricavata da una ampia grotta naturale) ma illuminata grazie ad un ingegnoso sistema di specchi, e l'altro, molto più piccolo, è un'alta torre nel quartiere universitario, utilizzata anche come osservatorio astronomico. Chel ha numerose chiesette nei villaggi di campagna (dove ha un seguito maggiore che in città), ma un solo luogo sacro entro le mura: Piazza Fontana d'Argento, che è, come suggerisce il nome, una vasta piazza dall'architettura elegante ed ornata da una bellissima fontana di argento incantato, circondata da aiuole ed alberi, dove vengono svolte, una volta alla settimana, funzioni a cielo aperto per i pochi fedeli di Chel di Neapolis. Nonostante questo molti templi di Kinich, soprattutto del Sole d'Oro, hanno, all'estremità del braccio orientale, una nicchia dedicata a Chel, spesso con una piccola fontana zampillante.

Kin non ha templi suoi, ma ogni tempio del Sole di Sangue ha sempre (similmente a quanto accade per Chel nei templi del Sole d'Oro), all'estremità del braccio occidentale, una nicchia dedicata al Dio Cacciatore. Pur non essendoci funzioni organizzate o una liturgia formale, a Kin vengono fatte

Document info
Document views700
Page views700
Page last viewedMon Dec 05 10:32:13 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments