X hits on this document

636 views

0 shares

0 downloads

0 comments

166 / 299

Per quanto gli elfi siano una comunità molto più ristretta rispetto a quelli della vera e propria Mons Ferratus, rimangono comunque una grossa fetta della popolazione. Ghaz Gheneva è il perfetto esempio di come le diversità razziali possono essere superate e anzi sfruttate al meglio: nani, elfi e umani vivono pacificamente assieme sfruttando le conoscenze reciproche.

Tutti questi fattori hanno portato a rendere Ghaz Gheneva la regione ethulica che più di tutte si è sviluppata economicamente negli ultimi cinquanta anni, le sgraziate ma efficaci navi naniche solcano il mar mediterraneo per il commercio, il territorio montuoso garantisce una riserva pressoché illimitata di minerali, legname e materiale edilizio, gli abili pescatori elfici sfruttano appieno il pescosissimo golfo di Ghaz Gheneva mentre gli umani sfruttano la loro versatilità andando infilandosi in ogni ambito.

Ufficialmente la chiesa principale è quella di Chel, molto forte è anche il culto Itzamniano, abbracciato dalla maggior parte dei nani.

Culturalmente, nani, elfi e umani sono riusciti a fondersi quasi del tutto: è impressionante come ognuna delle tre razze sia riuscita in appena duecento anni a creare una comunione così forte che va al di là della propria razza. Ad esempio i nani spesso e volentieri sono sprovvisti di barba o la portano agghindata in maniera eccentrica, le gilde accolgono membri di qualsiasi razza e non è raro trovare umani a capo della gilda dei fabbri e nani a capo di quella degli agricoltori.

La comunione tra il pragmatismo tipico della razza nanica e l'inventiva umana, ha fatto nascere le prime gilde di meccanicisti ed è di appena tre anni fa la scoperta di un marchingegno ingegnoso e dalle enormi potenzialità: il motore a vapore.

In pratica consiste in un intricata sequenza di pistoni e rotelle, alimentati da una fornace che spinge il vapore a far ruotare una turbina producendo una quantità di energia inimmaginabile. La tecnologia è ancora primitiva e sono in molti ad averci rimesso una mano o addirittura la vita durante la progettazione.

La prima applicazione è avvenuta a bordo del vascello "Martello di Numur", una pesante corazzata di classe Juggernault che sembrava impossibile poter far viaggiare a più di 5 nodi anche con l'ausilio dei rematori. Con l'applicazione di 5 motori, il vascello supera di gran lunga in velocità qualsiasi barca a vela. La pesante corazzatura e il motore a vapore rendono le navi da guerra di Ghaz Gheneva temute da tutti i navigatori e invidiate da tutte le potenze marittime. Purtroppo la produzione di simili navi è molto dispendiosa in termini di tempo e denaro, in questo momento si contano dieci vascelli simili, due dei quali hanno partecipato alla battaglia dell'Elba, dove tre sole corazzate Ghaz Ghenovine hanno sbaragliato una flotta di quaranta navi mercenarie Liberiane guidate da Germano Mellerofonte.

Una delle tre corazzate esplose nel secondo anno della guerra ethulica al largo di Florenzia, nessun membro dell'equipaggio fu ritrovato integro.

Il 15° giorno del secondo mese di Chel del 2009, Ghaz Gheneva diviene indipendente. Come duecento anni prima fu inglobata in maniera pacifica da Mons Ferratus, anche l'indipendenza avviene senza colpo ferire, semplicemente i Monferratesi sono troppo impegnati a respingere i Drow nel sottosuolo per poter anche solo protestare. Oltretutto un nutrito contingente neapolitano si trova a Ghaz Gheneva pronto ad invadere Mediolanum.

Grazie ad un anno di trattative ininterrotte, l'ambasciatore neapolitano Roghair Heardstone, riesce a convincere il concilio dei nobili di Ghaz Gheneva a dichiarare l'indipendenza con l'appoggio di Neapolis, in cambio richiede libero accesso ai terriori per poter invadere Mediolanum. Il Concilio dei nobili, nonostante la paura di una possibile vendetta futura da parte di Mediolanum, si arrischia a fare questa mossa che in seguito si rivelerà brillante. Mediolanum infatti non può prendersela con i territori ancora sotto il suo controllo a Mons Ferratus poichè Ghaz Gheneva non fa più parte di questo regno, oltretutto una volta firmata la pace di Siena, Mediolanum non ha motivo di rischiare di riprendere il conflitto facendo qualche sgarbo al regno neonato.

Non essendo stata impegnata militarmente nella guerra ethulica, Ghaz Gheneva come Florenzia ne esce pulita con più vigore che mai, la flotta commerciale è la seconda più grande del tirreno, la flotta navale poco numerosa è di gran lunga la più temuta, la scoperta del motore a vapore ha

Document info
Document views636
Page views636
Page last viewedSat Dec 03 14:15:41 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments