X hits on this document

614 views

0 shares

0 downloads

0 comments

169 / 299

all'unanimità di mantenere codesta forma di governo. La sede fu spostata a La Spezia, città di dimensioni ridotte, ma molto meno caotica e più vivibile della colossale Ghaz Gheneva, ma dopo le “Cinque giornate gheneviane” è stata riportata nella città madre, questo per via della possibilità di un invasione, e Ghaz Gheneva è considerata “imprendibile” a differenza di La Spezia che si trova al confine con Florenzia e la Lega Panethulica. In principio le famiglie erano Sette, ma ulteriore novità che portò la rivoluzione, fu appunto, l’inserimento di due famiglie reggenti al governo. Il concilio dei nobili si riunisce una volta alla settimana per prendere le decisioni importanti, salvo motivi contingenti che richiedano riunioni straordinarie. Le nove famiglie regnanti (cinque naniche, una orchesca, una di  mezzuomini e due umane) sono le seguenti:

Clan degli Ironfield: sono una famiglia di nani vecchio stampo, lunghe barbe e cotta di maglia anche ad agosto a mezzogiorno. Sono di sicuro la famiglia più tradizionalista, gli unici a non aver ancora avuto il coraggio di avvicinarsi a una di quelle cose che loro chiamano: "tombe galleggianti". Il capo famiglia è Ignatius Ironfield, un individuo che rappresenta in maniera egregia il proprio Clan. Dopo gli avvenimenti delle “cinque giornate Gheneviane”  gli Ironfield non hanno mutato il loro approcio alle tecnologie, ma si sono avvicinati ulteriormente alla chiesa d’Itzamna, il primogenito di Ignatius ,  Ignatius II Ironfield, è il primo allievo del Gran Sacerdote d’Itzamna nonché futuro Gran sacerdote.

Sono i principali avversari politici della famiglia Trov.

Clan degli Golborasson: Al contrario degli Ironfield sono stati la prima famiglia a capire le potenzialità che il mare ha da offrire alla razza nanica, il primo prototipo di Juggernault fu proprio concepito da Haristoteles Golborasson. Il capo famiglia attuale Flink Golborasson, è anche il maresciallo della flotta di Ghaz Gheneva. Altro capolavoro tecnologico che va attribuito alla famiglia è il rappresentativo Farò di Ghaz Gheneva.

Clan dei Muhwall: I Muhwall hanno una grandissima tradizione di superbi artigiani all'interno del proprio clan, si dice addirittura che il cannocchiale florenzino sia in realtà un invenzione di Margus Muhwall, che ne rivendica strenuamente la paternità. Lo stesso Margus ha inventato un nuovo tipo di balestra con tripode di sostegno, pesante almeno cinquanta libbre in più di quelle normali, ma con un potere perforante incredibile. Il capo famiglia è Asmodeus Muhwall, generale in capo della compagnie dei balestrieri di Ghaz Gheneva.

Clan degli Hoktamon: Gli Hoktamon fanno parte del Clan che più di tutti si è avvicinato alla cultura umana, di carattere solitamente gioviale (almeno per un nano) gli Hoktamon usano sfoggiare pizzetti, baffi e altre atrocità che i nani più conservatori trovano ignominiose. Il più famoso membro della famiglia non è certo il capofamiglia Brethon Hoktamon, ma suo figlio, Gjlsen, conosciuto come uno degli scultori più brillanti della storia.

Clan degli Oldmontain: Meglio conosciuti come "i banchieri di Itzamna" sono di gran lunga la famiglia più ricca di Ghaz Gheneva, posseggono almeno metà della flotta mercantile e tutte le banche del regno fanno capo a loro. Si dice che in seno al consiglio non venga mai presa una decisione senza prima l'accondiscendenza di Nokodemus Oldmontain, il capo famiglia. Attualmente sono chi più di tutte le famiglie reggenti sostiene e finanzia le esplorazioni, e la campagna di colonizzazione in atto.

Nobile famiglia Saccani: I Saccani, considerati da molti degli arrampicatori sociali, sono saliti ai vertici della società Ghenovina da soltanto una cinquantina d'anni. Hanno il controllo della maggior parte delle gilde cittadine, compresa quella dei minatori e dei meccanicisti, che per antonomasia sono sempre state sotto il controllo dei nani. Il capo famiglia Gilberto Saccani è un animale politico, si destreggia nella fitta rete di gilde e corporazioni della città con la destrezza di un danzatore dell'acqua elfico. La famiglia ha sostenuto i Trov e De Nubius.

Nobile famiglia Ariostidi: Gli Ariostidi, vantano una lunga e gloriosa storia all'interno dell'esercito di Mons Ferratus, prima ancora che fosse posato il primo mattone della fondazione di Ghaz Gheneva. Artemisio Ariostidi è il Gran Generale dell'esercito e svolge questo compito in maniera egregia. A lui il merito della modernizzazione dell’esercito e delle strutture difensive, si pensa che il

Document info
Document views614
Page views614
Page last viewedFri Dec 02 18:47:04 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments