X hits on this document

884 views

0 shares

0 downloads

0 comments

171 / 299

che poggia su una struttura robusta, che ruota grazie a precisi ingranaggi. Tale Balista ha una gittata di gran lunga superiore all’occhio umano o nanico che sia, ed è perciò fornita di un cannocchiale con il quale l’artigliere mira a navi parecchio distanti. Parecchie navi Algerine hanno visitato gli abissi grazie al Faro Gheneviano.

Il Motore a Vapore: Straordinaria invenzione che ha rivoluzionato il mondo della scienza, il suo funzionamento rimane ancora un mistero, e i rumori e i vapori che produce tale tecnologia crea terrore nei più, vedendolo più come una chimera che come un utensile.

Resta comunque una tecnologia pericolosa che saltuariamente uccide chi ne fa uso.

Napolitano Yuri, Ridolfi Alberto, Protti Massimiliano

Torna all’Indice

PISAURUM

Secondo porto del Mare Interno, dopo Vernentia, Pisaurum, negli ultimi anni, ha visto molto ridotta la sua importanza, a scapito della rivale Vernentia, divenendone addirittura un protettorato.

Un tempo governata da un concilio nobiliare di Sette famiglie, ora Pisaurum è governata da un Vicerè vernentiano, nominato direttamente dai Dogi della città lacustre. Questa situazione politica si creò dopo la fine della Guerra Ethulica, nel 2010, quando le armate congiunte di Vernentia e Gradara penetrarono in città, alla testa di Lord Villaspada, e ne presero il controllo. Pisaurum nella guerra si era schierata a fianco di Neapolis e gli Agarkos, e per questo avrebbe dovuto pagare una forte indennità di guerra. Tutti i territori di campagna sarebbero passati sotto il Regno di Gradara, e la città avrebbe mantenuto una sorta di indipendenza, ma sotto l’egida di un Vicerè vernentiano. Lord Villaspada fu insignito di tale titolo,e da allora cercò di riorganizzare la città secondo le esigenze vernentiane.

Molte attività commerciali furono smantellate, a cominciare dalla Compagnia delle Chiglie Dorate, una delle più ricche e potenti della città, sospettata di essere un covo di ribelli e traditori. Il capo della Compagnia, marito della nobile Sofia de Lancorti, fu arrestato e portato a Vernentia. Stessa sorte toccò alla moglie, che nel momento dell’adesione alla guerra ethulica, occupava il posto più alto nel Concilio nobiliare della città. Le altre famiglie furono ridotte a meri gusci, senza alcun reale potere. L’economia divenne gestita da compagnie vernentiane, l’esercito arruolato e addestrato da veterani sotto il comando di Villaspada.

Non tutto però arrideva a Vernentia. Il malcontento serpeggiava tra la popolazione, che, aiutata dai nobili insofferenti della situazione attuale, cercavano in tutti i modi di rendere la situazione ingestibile. Purtroppo le armi vernentiane riuscirono sempre a garantire una certa stabilità, e soffocarono le rivolte che ci furono nel sangue. Ad acuire la situazione, iniziarono a trovarsi corpi di ufficiali vernentiani, orribilmente mutilati e sventrati, con le viscere raccolte come a simboleggiare le spire di un serpente. Nei bordelli e nelle bettole della città, era tutto un correre di voci, su un fantomatico Serpente che avrebbe aiutato Pisaurum ad uscire dal giogo vernentiano. Nel quartiere commerciale e nel quartiere del porto, aumentarono i controlli vernentiani, così come aumentarono i ritrovamenti di cadaveri. Ormai, anche tra i temprati veterani vernentiani, un alone di paura stava scendedo sempre più soffocante, e le pattuglie si spingevano sempre più malvolentieri in certi posti. Se di giorno l’attivita era scandita dagli ordini vernentiani, la notte diveniva il dominio della paura e del mistero. Molti giudicarono questo un giusto contrappasso per dei vernentiani, e per le voci che girano sulla loro città.

Verso il III mese di Kinich del 2011, Lord Villaspada fu richiamato fuori città per affari di una certa urgenza, e in città arrivò un nuovo Vicerè, Edoardo Belbo.

Edoardo mostrò subito di essere di ben diversa pasta di Villaspada. Non era un guerriero, ma un abile commerciante, e sapeva bene quali fossero le esigenze vitai per uan città, commercio in primis. Come primo atto agevolò il prestito bancario presso le filiali del Banco vernentiano aperti

Document info
Document views884
Page views884
Page last viewedSun Dec 11 10:08:36 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments