X hits on this document

638 views

0 shares

0 downloads

0 comments

19 / 299

Per questo i confini sono cosa da rispettare ed onorare. Onora l’alba e l’aurora, e la linea della costa, il momento della nascita e quello della morte, ed ogni tuo viaggio ed ogni soglia che varchi ed ogni fiore che sboccia.

E, piuttosto che un tempio, costruisci un confine. Crea una porta senza cancello e senza pareti che delimiti un piccolo mondo sacro da un grande mondo profano e, se cerchi pace, varca quella soglia.

Per questo i nostri templi non hanno pareti, né tetto, né altare o sedie: una porta è tutto quello che serve.

Né preti né messe, né sacrifici né preghiere. Piuttosto, guarda il sole sorgere e tramontare, e festeggia la morte dell’inverno e la nascita della primavera, e quando la primavera diventa estate, e la morte dell’estate e la nascita dell’autunno, e quando l’autunno diventa inverno.

Perchè queste cose sono ben più importanti di qualunque preghiera un mortale possa mai fare, qualunque sacrificio possa mai innalzare. E, anche molto, molto, molto dopo che noi saremo diventati polvere e cenere, quando ogni nostra preghiera ed ogni nostro sacrificio saranno sepolti sotto il peso di infiniti millenni, ci saranno ancora il giorno e la notte, la primavera e l’autunno, e il cielo di certo non si sarà stancato di girare.

Capisci ora perchè le Schiere Demoniache sono nostre nemiche naturali? Perchè vogliono la fine di tutto questo.

Mentre noi siamo coloro che proteggono ed onorano i confini, i Demoni cercano la loro distruzione. Detestano i confini, perchè sono proprio i confini a tenerli fuori dal nostro mondo. Le barriere, le stagioni, lo scorrere del tempo, cosa è alto e cosa e basso, cosa è caldo e cosa è freddo, cosa è mare e cosa è terra, cosa è vivo e cosa è morto: loro odiano questo, e vogliono vederlo infranto e spezzato. E, se lo faranno, per noi non ci sarà più un mondo in cui esistere.

Per questo, noi dobbiamo essere pronti a varcare qualunque confine pur di combatterli e distruggerli. Anche il confine tra vita e morte.”

Finrudel il risvegliato, Sacerdote in esilio da Taur Aire di Gaia

Segni

Coloro che sono venuti prima di noi ci hanno lasciato tredici segni, tredici parole su cui meditare. Ciascuno di questi tredici segni è un confine, e solo comprendendoli tutti e varcandoli tutti si può ottenere la vera armonia. A ciascuno di questi segni è associata una breve poesia, un verso o un aforisma.

Primo Segno Terrestre, Segno della Terra: confine di essere e non essere

Ci sediamo insieme

La montagna ed io

Finché solo la montagna rimane.

Tradotto: proteggi la tua esistenza e quella di ciò che ti è caro.Sei importante; sei unico al mondo.

Secondo Segno Terrestre, Segno dell’Aria: confine di tenebre e luce

Impara la lingua dell’uomo e parlerai con l’uomo.

Impara la lingua della mente e comanderai la mente.

Impara la lingua dello spirito e comprenderai lo spirito.

Impara la lingua dell’universo e sarai l’universo.

Tradotto: apri i tuoi occhi. Conosci, comprendi, studia, espandi il tuo sapere; svela i segreti del mondo.

Terzo Segno Terrestre, Segno dell’Acqua: confine di azione e passione

Noi non vediamo le cose come esse sono.

Noi vediamo le cose come noi siamo.

Document info
Document views638
Page views638
Page last viewedSat Dec 03 16:11:13 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments