X hits on this document

1090 views

0 shares

0 downloads

0 comments

203 / 299

Molte delle corporazioni artistiche ed artigianali d’Illiria hanno la loro sede qui, in particolare armaioli, orefici e conciatori.

Da un punto di vista economico, Elwiria è forse il più ricco dei tre protettorati, ed è qui che l’influenza della borghesia commerciale e finanziaria si fa sentire di più.

Il capoluogo è una florida e prosperosa città, il cui centro è occupato dal più grande mercato di tutta Illiria.

Personalità Importanti

Re Boris Karparov detto “il Calvo”, Sovrano d’Illiria

Quest’uomo di mezz’età, ultimo discendente della lunga dinastia di Karsus, è famoso per la sua prudenza, pazienza e alcuni malignamente dicono pigrizia.

Da sempre amante dello status quo, si è sempre adoperato per mantenere ferme le tradizioni e le condizioni del suo regno, senza mai prendersi rischi per tentare di migliorarle.

Di fronte alla minaccia del Lupo Bianco, vera e propria nemesi di ogni ordine costituito, Re Boris commette il madornale errore di sottovalutare l’entità del pericolo, confidando che l’uso ordinario delle difese del regno sia sufficiente a fermare il nemico.

Questa superficialità è stata la causa della lunga serie di sconfitte subite dall’Illiria durante il passaggio del Lupo Bianco, con le conseguenti devastazioni e privazioni subite dalla popolazione.

Ovviamente, a causa di questo, la fama e la credibilità del Re hanno subito un gravissimo smacco.

Generale Arkady Radu, Comandante Supremo dell’Esercito d’Illiria

Vero astro nascente del panorama politico e militare, questo giovane capace e ambizioso è salito alla ribalta dopo aver preso il posto del Generale Miroslav, dopo che quest’ultimo aveva fallito nell’arrestare l’avanzata del Lupo Bianco.

Con una serie di manovre e di contrattacchi efficaci, Arkady è riuscito ad arginare l’invasione e a respingere progressivamente l’Orda del Lupo Bianco al di fuori dei confini illirici.

Naturalmente, la popolarità di quest’uomo è arrivata alle stelle, e starà a lui decidere come usarla.

Patriarca Nicolas Abhramovic

Capo supremo della Chiesa del Dio Drago in Illiria, è oggettivamente riconosciuto come il più autorevole esponente del culto di Itzamna del mondo conosciuto.

Ormai molto anziano, e prossimo all’abdicazione o alla morte, il Patriarca ha sempre sostenuto la Corona e la discendenza di Karsus, tentando di rimanere comunque, in ossequio ai principi d’equilibrio rappresentati dal Dio Drago, equidistante dalle varie fazioni politiche dell’aristocrazia illirica.

La Chiesa di Itzamna da lui comandata, ha infatti anche un’influenza temporale oltre che spirituale sulla vita del Regno, considerando anche il vasto numero di Paladini, Vendicatori ed Inquisitori di cui essa dispone.

Qualunque sovrano o nobile che voglia in qualche modo operare dei cambiamenti in Illiria, da sempre regno molto statico e conservatore, sa che per farlo è necessario l’appoggio del Patriarca, e delle gerarchie ecclesiastiche a lui sottoposte.

E’ anche vero, che la veneranda età di quest’uomo, e il trauma dovuto alla guerra contro il Lupo Bianco, hanno scatenato una sorta di corsa alla successione per il suo scranno, in cui fondamentalmente si vedono due fazioni: una più tradizionalista, più legata alla Corona, il cui maggiore esponente è il Cardinale Klaus Berkerov, ed una più innovatrice, formata da vescovi più giovani, come il Vescovo Radek, primo consigliere del Cardinale Petronov, la più alta carica religiosa di Brontia.

I Draghi d’Illiria

Document info
Document views1090
Page views1090
Page last viewedSat Jan 21 23:39:31 UTC 2017
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments