X hits on this document

768 views

0 shares

0 downloads

0 comments

222 / 299

dell’Impero, un’immensa città situata nel centro esatto della nazione, dimora del ReichDome, il leggendario palazzo imperiale, la cui gigantesca cupola dorata si staglia nel cielo visibile sin dall’esterno della città.Tale imponente edificio custodisce lo scranno, vacante da secoli, più ambito del regno: il Trono d’Acciaio. Aquisgrana è anche la sede del secolare Ordine della Croce Nera, in passato conosciuto col nome di “Guardia Imperiale”.

Andrea Zito e Elia Rosaverde

Torna all’Indice

TAUR AIRE

Fra Storia e Mito

Si narra nel mito che la Dea Chel donò al suo popolo unito le sue tre virtù, la benevolenza, l'amore per la natura e la bellezza, come segno della sua benedizione, ma che queste tre virtù non riuscirono a coabitare a causa dei sentimenti che ognuna di esse portava con sè. Fu così che il popolo Elfico si scisse in tre tronconi, e che ognuno di esso occupò un territorio diverso, rispettivamente Taur Ruum, Taur Ethele e Taur Aire. A volte Chel ancora piange ripensando a quella separazione e le sue lacrime sono la pioggia. Le origini di Taur Aire sono totalmente perdute nelle nebbie del tempo. Di certo, questa è una terra antichissima, una delle prima nazioni a prendere forma dall’epoca del Mito. Da quando esistono gli elfi, infatti, viene sempre ricordata la splendida quanto terribile terra di Taur Aire, bastione di integrità e bellezza, quanto di forza militare.

Descrizione politica e sociale

Taur Aire: il suo nome significa “Isola Splendente” e può essere a buon diritto definita tranquillamente patria degli Elfi, dato che nessuna altra razza è ammessa sul suo territorio. Gli elfi di Taur Aire, soprannominati “Elfi Splendenti” per la loro accecante e sovrumana bellezza si considerano la vera e più alta espressione della razza elfica; estremamente affascinanti d'aspetto, eccellono nel combattimento, nell'atletica, nelle arti e nella costruzione di manufatti di qualunque tipo.

Profonda è la loro conoscenza delle arti magiche che coltivano con dedizione e talento, tanto che oramai sono arrivati ad un grado di sviluppo estremo ed ineguagliato nel mondo. Grandi e splendide sono le città dei figli di Chel, costruite in una perfetta fusione tra natura e ingegneria, in splendida pietra bianca e addobbate di luci che a comando illuminano o restano spente, lasciando così la possibilità di osservare le stelle e il cielo. La città in assoluto più importante è Londinium, considerata da molti la più grande meraviglia architettonica di sempre. Le sue torri candide, i pontili trasparenti, la strade perfette, sono la riprova della superiorità intellettuale degli Elladar.

Fin dalla più tenera età gli elfi di Taur Aire vengono addestrati nelle arti fisiche, belliche e mentali per il raggiungimento della perfezione in ogni gesto o parola, e di una postura e un portamento fiero e marziale che li rende facilmente distinguibili anche in mezzo a una folla. Il prodotto più lampante di questi addestramenti è la falange più temibile ed efficace che si possa incontrare su un campo di battaglia, terribile anche solo a vedersi nel suo perfetto schieramento di splendide lance ed armature d'acciaio argentato e dorato.

Interessante è la forma di governo che questo popolo si è data: il merito è ciò che contraddistingue chi ha le abilità per guidare e comandare, indipendentemente che egli sia maschio o femmina. Chi dimostra le qualità occorrenti viene universalmente riconosciuto come capo in ogni città o ambito, fino a quando non ne viene trovato qualcuno che dimostri essere a sua volta migliore. Misera invece è la sorte dei peggiori, o di coloro che per un qualsiasi motivo non riescono ad eccellere o ad imporsi: essi, semplicemente, diventano “inferiori”, privi di qualsiasi diritto fino a che non riescano a riscattarsi. Al vertice delle istituzioni politiche si trova un Consiglio composto da 12 membri (uno per ogni ambito rilevante), detto “Consiglio degli Optimati”, che governa la Capitale del Regno, comanda le Forze Armate e giudica e vigila sul merito e sul valore di qualunque altro capo, con poteri discrezionali ed assoluti. Diventare “Optimus”, è per un Elfo Splendente la più grande ambizione di un'intera esistenza. Per il resto, la burocrazia si muove in maniera snella. In realtà

Document info
Document views768
Page views768
Page last viewedThu Dec 08 08:35:07 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments