X hits on this document

738 views

0 shares

0 downloads

0 comments

228 / 299

La gerarchia religiosa del Culto di Chel ha un consistente potere sulla vita politica di Taur Ruum. Le parole dei Vescovi di Chel (l'equivalente delle Matriarche, ciascuno è responsabile di una Provincia) hanno un grande peso anche sulla scena politica e, anche se dal punto di vista formale non hanno potere effettivo, sono sempre tenute in grande considerazione. Con lo spostamento del Tempio centrale a Londinium, molti Vescovi sono stati rinominati, e nei primi due mesi del 2012, molti sacerdoti da Taur Aire, sono divenuti vescovi di molte provincie di Taur Ruum, importando anche un concetto molto più intransigente della dottrina cheliana.

Situazione Attuale

Taur Ruum sta affrontando un periodo di grandi cambiamenti. L’egemonia di Taur Aire, a livello religioso, a livello politico, a livello militare, si sta facendo sempre più pesante. Il Concilio delle Matriarche, e quello dei Vescovi, vede al suo interno molti esponenti di Taur Aire, e il loro peso aumenta giorno dopo giorno. Sulle coste nord di Taur Ruum, agili navi sbarcano giorno dopo giorno uomini e vettovaglie. I confini ovest ed est stanno venendo rafforzati, con la costruzione di torri di guardia, e l’arrivo di contingenti battenti bandiera di Taur Aire.  

Il 25° giorno del II mese di Kin, 2012, il Concilio delle Matriarche stabilì che ogni cittadino del Regno, avrebbe dovuto servire come soldato nel nascente esercito di Taur Ruum. Le reclute avrebbero dovuto essere addestrate da veterani ufficiali di Taur Aire, e poi occuparsi di pattugliare i confini, erigere fortificazioni intorno alle città, sopprimere ogni possibile minaccia per la purezza elfica, e per il culto di Chel. Le reclute che si dimostrano più capaci dal punto di vista magico o artistico, vengono addestrate a parte. Alcune Matriarche, si sono espresse decisamente contrarie a questa situazione, affermando la volontà di rimanere una nazione pacifica, ma sono in netta minoranza, e alcune delle Matriarche più giovani, hanno abbracciato in toto la nuova dottrina esportata da Taur Aire.

La guerra all’eresia viene condotta senza sosta. Inquisitori arrivati appositamente da Taur Aire, battono le campagne e le città in cerca di possibili rimasugli dell’osceno culto del trifoglio. Gli eretici trovati, vengono poi radunati nelle piazze per evocativi autodafé, ovvero roghi di massa, come monito per coloro che osano lordare la purezza dei comandamenti della Dea.

I non elfi risedenti nel Regno, sono stati meticolosamente censiti, e anche loro hanno obbligo di servire nella leva obbligatoria. Non possono accedere però alle scuole di magia riservate esclusivamente agli elfi. Molti  hanno visto questa situazione in malo modo, e hanno cominciato a lasciare il Regno.

Se finora Taur Ruum è risultata essere la nazione più invitante, e più facilmente prendibile, ora le cose stanno velocemente cambiando, e qualcuno inizia addirittura a temere che la situazione possa capovolgersi.

Vita, agricoltura ed allevamento

Taur Ruum è detta "Il Gioiello Splendente" (ma Taur Ruum significa anche "Smeraldo" in elfico) per l'incredibile ricchezza e fertilità delle sue terre. Grazie agli sforzi dei suoi contadini, dei suoi artigiani, dei suoi maghi e dei suoi chierici, Taur Ruum vive quasi una primavera perenne, godendo di un clima temperato, accuratamente calibrato in modo da dare il massimo numero di raccolti all'anno. Piove quanto serve alle coltivazioni e la neve non è mai tanta da rovinare i campi, né tanto fuori stagione da uccidere i germogli.

L'istruzione a Taur Ruum è molto informale. Solo nelle più grandi città esistono scuole e università, e anche queste sembrano più simposi o salotti di discussioni che vere e proprie accademie. Ciò nonostante il tasso di alfabetizzazione e la cultura media sono ragguardevoli, e persino il più umile contadino sa leggere, scrivere e far di conto (e spesso ben di più) e partecipa attivamente alla vita sociale, culturale e politica del suo villaggio e, quindi, per esteso, della nazione.

Questo perchè, semplicemente, i campi di Taur Ruum hanno una produttività che, per i contadini di altre terre, è semplicemente al di là di ogni immaginazione, richiedendo cura, sforzo e fatica molto inferiori rispetto alle terre coltivate di altre nazioni. In altre parole, il cittadino medio di Taur Ruum ha molto più tempo libero di quanto ne abbiano altri, perchè, grazie alla fertilità della terra su cui

Document info
Document views738
Page views738
Page last viewedWed Dec 07 10:55:07 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments