X hits on this document

851 views

0 shares

0 downloads

0 comments

24 / 299

Incubo, intrepido ed imprevedibile guerriero latore del timore più recondito. Gli incubisti venerano la forza fisica del singolo che ha massima espressione nella lotta, nonché il coraggio  dell’azione di massa: la consapevolezza dell’altro crea una maggior forza totale, ma al contempo il dubitare dei mezzi dei compagni porta alla paura, timore di rendere vana ed inconsistente ogni speranza. Unico modo per raggiungere lo scopo prefissato è l’unione di coraggio e paura nella violenza, maestra di guerra. L’immediatezza dell’azione permette all’incubista di incanalare le energie in un unico sfogo irrazionale, che avrà termine solo alla fine della battaglia. Impatto ed efficacia sono le parole d’ordine. Tutte le paure del fedele devono essere convertite durante il primo impatto, e devono essere convogliate verso l’oppositore, fino a terrorizzarlo, quindi l’opera va terminata con assoluta freddezza di esecuzione; ciò dev’essere fatto sia in battaglia, massimo segno di devozione verso Incubo, sia nella vita comune, contrapponendosi prepotentemente a chiunque rappresenti un ostacolo. Il fedele di incubo dedica tempo alla cura del proprio corpo, alla propria muscolatura, nonchè alla’annientamento di ogni passione interiore che possa distogliere minimamente l’animo dall’azione bellica.

Armi sacre per la Triade: Artiglio(Abisso), Pugnale(Estasi), Ascia due mani(Incubo)

Elemento a cui sovrintende: Nulla

Precetti

Servigio Imperituro

Tre sono i padroni che devi servire

Uno lo scopo da perseguire

Servo del Caos, vivi per obbedire.

L’adepto della Triade è suddito dei tre Demoni Padroni, che seppur venerati singolarmente, perseguono lo stesso scopo.

Prima Blasfemia

Porta il Caos nel creato,

sconfiggi le legioni del Drago,

ritorni la notte senza fine e il nulla eterno.

L’obbiettivo del demonista è il ritorno al Caos, da cui tutto ebbe inizio e in cui tutto finisce: per raggiungere questo fine occorre combattere ed annientare il culto di Itzamna e degli altri dèi.

Seconda Blasfemia

Vibri il cuore nero,

sgorghi il tormento del desiderio,

gli inferiori si prostrino ai dominatori.

Gli adepti devono essere pervasi dall’energia scaturita dalle passioni, devono insinuare il germe del desiderio nei mortali ed imporsi su coloro che non meritano di vivere.

Terza Blasfemia

Carne e ossa, imparate dal dolore,

mostrate in vita il massimo vigore

mai cadrete in balìa della luce.

Document info
Document views851
Page views851
Page last viewedSat Dec 10 10:52:20 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments