X hits on this document

834 views

0 shares

0 downloads

0 comments

264 / 299

come dei guardiani posti di vedette contro i pericoli che potrebbero giungere da altri lidi. Tra i vernenziani gira voce che all’interno di queste piramidi vi siano stanze pieni di tesori e misteriosi segreti, ma ancor oggi gli indigeni non si pronunciano su queste cose e raramente parlano con gli stranieri delle loro usanze e della loro terra.

Le colonie delle Terre Gialle Oltre la colonia di Rosium, proseguendo lungo la costa delle Terre Gialle diretti verso sud è possibile costeggiare il misterioso continente chiamato Africa, e se si è abbastanza coraggiosi o avventati da circumnavigarlo è possibile raggiungere la Nabatea, questa è la sola via conosciuta per raggiungere queste terre ricche di spezie e oggetti rari e preziosi senza dover passare attraverso l’impero Asa, questa è la sola via per la mirra, l’incenso e una strana erba recentemente scoperta da alcuni arditi mercanti vernenziani e chiamata thé. Inoltre in questo continente si possono trovare molti animali e mostri rari, richiesti dai maghi per i loro strani rituali e non molte pietre preziose, leggendarie sono alcune miniere dell’estremo sud dove si dice che ad ogni colpo di piccone si possono raccoglie intere manciate di diamanti. Lungo queste coste misteriose sono state edificate due colonie che assicurano ai mercanti dei porti dove potersi fermare per riparare le navi e riempire le stive con cibo e acqua per poter continuare la navigazione. Città del Capo Situata all’estremo sud del continente, questa cittadina dotata di un ampio porto e anche di un piccolo arsenale è il più importante punto di sosta fondato da Vernenzia lungo le coste delle Terre Gialle e il più importante mercato di diamanti sfruttato dai mercati vernenziani, sono infatti state edificate alcune miniere estremamente produttive dove molti indigeni vengono tenuti schiavi e costretti a lavorare fino a morire per la fatica e per gli stenti. Più di una rivolta è stata soffocata nel sagnue dalle truppe private dei possidenti terrieri, che spesso fanno delle spedizioni nella giungla per procurarsi altri schiavi per le loro miniere. Porto di Salomone A metà strada tra Rosium e Città del Capo, posta sulla foce di un gigantesco fiume, abitato da serpenti velenosi, pesci sempre affamati in grado di divorare un cavallo in pochi minuti e moltissime sanguisughe. Poco più di un semplice villaggio che si è sviluppato attorno ad un paio di corti moli e circondato da un terrapieno e da una palizzata, oltre a fungere da luogo di sosta per le navi dirette verso Città del Capo questo è anche il luogo da cui, risalendo il fiume, è possibile arrivare all’unica colonia di Vernenzia costruita nel profondo della giungla, all’interno del continente. Il Porto di Salomone è solo un avamposto e i suoi abitanti sono quasi esclusivamente esploratori, mercanti di passaggio e soldati, attacchi di tribù feroci sia di cannibali che di mostri mai visti in atri luoghi sono all’ordine del giorno, raramente sono un reale pericolo per la piccola guarnigione ma nonostante ciò l’aspettativa di vita è estremamente bassa, anche grazie alla malaria che sembra imperversare senza sosta in queste terre.

Megalopoli Situata ad alcuni giorni di navigazione lungo il fiume che sfocia al Porto di Salomone, circondata anch’essa da una palizzata e da un terrapieno si trova Megalopoli, qui, in questo villaggio isolatissimo, vengono mandati esiliati i criminali, qui vengono mandati i prigionieri di guerra che non si vuole consegnare indietro. In questo luogo non ci sono leggi, pochissimi sono i contatti con l’esterno e il solo modo per uscirne è pagarsi la libertà. Per questo qui nessuno se non i moribondi rimane con le mani in mano, tutti lavorano per difendersi dalle tribù umane e mostruose ostili che circondano il villaggio e tutti cercano di continuo di ottenere, sia con gli scambi che più spesso con la forza, oggetti, materiali, spezie e animali rari che possano essere rivenduti ai mercanti vernenziani che due o tre volte l’anno capitano in questo luogo.

Document info
Document views834
Page views834
Page last viewedFri Dec 09 20:32:19 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments