X hits on this document

677 views

0 shares

0 downloads

0 comments

35 / 299

Ombra. Ciò che copre, nasconde, protegge. Ombra. Ciò che viene proiettato dalla luce, ma che può esistere senza di essa. Ombra. Ciò che lascia visibile agli occhi solo ciò che è realmente importante.

Secondo Mistero: Sangue Regina del Sangue.

Sangue. Ciò che è  sacro alla Dea. Sangue. Ciò che noi offriamo a Lei. Sangue. Ciò che trasporta il Veleno nel corpo. Sangue. Ciò che rende una donna tale.

Terzo Mistero: Ventre Ventre della Terra Ventre. L’utero in cui cresce il figlio. Ventre. La terra in cui riposa il cadavere. Ventre Le grotte in cui adoriamo la Dea. Ventre. Il rifugio caldo in cui la Dea ci abbraccia.

Quarto Mistero: Veleno Signora dei Serpenti Veleno. Ciò che uccide. Veleno. Ciò che cura. Veleno. L’inganno sibilante. Veleno. La morte silente.

Quinto Mistero: Sogno Faccia Oscura della Luna. Sogno. Messaggio della Dea. Sogno. Visione rivelatrice. Sogno. Dimora dell’anima addormentata. Sogno. Cammino sicuro nella Notte Illune.

Alia, Sacerdotessa del Tempio di Gradara

Rito del Sangue

La Sacerdotessa  si inchina  a baciare la terra sussurrando “Per la Tua gloria Signora della Notte. Io sono il Tuo banchetto, io sono la Tua offerta” e comincia a intonare il cerimoniale

“Dall’Oscurità noi tutti veniamo, nell’Oscurità noi tutti torneremo ancora…” Poi  prende un’ampia coppa finemente cesellata dall’altare, la alza sopra la sua testa “Oh, Tremenda Regina della Notte Oscura, in questa perfetta assenza di luce ascolta i Tuoi adepti che ricorrono al Tuo potere!”.

La Sacerdotessa prende uno stiletto dall’altare, si taglia un polso e lascia colare il suo sangue nella coppa; si gira e si avvicina ad uno ad uno ai fedeli che le porgono il braccio scoperto e segnato da leggere cicatrici. La Sacerdotessa  come ogni notte taglia le loro carni, prende il loro sangue nella coppa e lecca la ferita. Il rito prevede che essi rispondano “Che la Signora Oscura accetti il mio sangue, offerto a Lei in segno della mia fedeltà e per la Sua gloria.”

Al centro del Sacrario, la Sacerdotessa  alza la coppa, i fedeli si inginocchiano

“Atachel l’Oscura, Ventre della Terra, Regina del Sangue, Madre dei Serpenti, Guida dei Sogni, Custode dei Cadaveri, Nostra Signora accetta questo simulacro del Tuo essere e benedicilo affinché noi potremo renderti lode nell’infinita Oscurità che Ti appartiene!”

I fedeli rispondono in coro “All’Ombra noi apparteniamo”

Document info
Document views677
Page views677
Page last viewedSun Dec 04 14:44:02 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments