X hits on this document

830 views

0 shares

0 downloads

0 comments

73 / 299

Come in tutte le razze, anche nella nostra vi erano individui con capacità differenti. Vi erano i Costruttori, maestri nella manipolazione della materia, che innalzarono le nostre maestose città, gli Illusionisti, che potevano creare spettacoli inimmaginabili o annichilire la mente di un uomo schioccando le dita, gli Evocatori, capaci di richiamare un’intera legione Celestiale, i Guaritori, coloro che più di tutti erano a contatto con la natura e con le razze inferiori, i Sapienti, che possedevano una memoria talmente sconfinata da rivaleggiare con le conoscenze contenute nella biblioteca papale di Neapolis, e i Condottieri, i capi del nostro popolo, coloro che possedevano tutte le migliori caratteristiche della nostra specie in egual misura.

Io nacqui proprio in quel periodo di estrema prosperità ed equilibrio, all’apice della nostra cultura. Alla nascita i sapienti si riunivano intorno all’ infante per capire quale fosse la sua vocazione: io ero senza ombra di dubbio un condottiero. Quello stesso giorno nacquero altri due individui che insieme a me segneranno per sempre la storia del mio popolo.

Tale racconto, in quanto non supportato per ora da dati più oggettivi, per molti non è che una bella storia, per altri invece è una base da cui far partire ulteriori ricerche, ma di certo, è qualcosa che dovrà venire approfondita.

Nicolò Rossi

Torna all’Indice

a)Storia Antica(già conosciuta come età degli Eroi)

Le prime testimonianze arrivate sino a noi, dei periodi più antichi, si trovano proprio in concomitanza dei primi esempi di civilizzazione delle razze umanoidi.

Quest’età viene ampliamente descritta nelle molte leggende e canti popolari, discendenti di quella cultura orale che caratterizzava gli esseri umanoidi dell’epoca.

Qui osserviamo i primi cicli migratori, che costituiranno in seguito la creazione delle città-stato e Regni attuali.

È l’ epoca che va dal 8.000AN all’anno 0.

È nomata Età degli Eroi proprio perché i Santi, entità prescelte e generate dalle divinità, ebbero un’influenza diretta con il mondo.

I maggiori eventi che vanno doverosamente citati sono:

Fondazione di Merinnios, la prima grande città.

Fu voluta dal Dio Drago e gli altri Quattro dei, invidiosi, crearono altrettante città.

Intanto gli abitanti si moltiplicarono e così moltiplicarono anche gli insediamenti.

Non ci è dato sapere dove fosse precisamente ubicata Merinnios, non si ha una posizione esatta, e gli scritti non danno coordinate; c’è chi teorizza che si trovi nell’attuale Illiria, chi dice che sia nell’Impero Asa od addirittura nelle Isole dell’Estate.

Fatto sta che la prima tradizionale opera scritta sono i “Precetti del Dio Drago” (chiamati anche con il nome di Tavole di Merinnios).

La città sparì per costituire la corte celeste di Itzamna quando il Dio Drago sentenziò che il ciclo del tempo era ormai cominciato e che la città sarebbe apparsa prima del finire dei tempi.

Intanto è in questi tempi che gli Angeli degli Dei (chiamati anche Santi) cominciano a camminare nella terra.

Il primo è stato Cronos, ma ben presto anche gli altri Prescelti delle altre divinità incominciarono a muoversi fra i mortali.

A decretare la fine dell’epoca degli Eroi fu la distruzione della Vecchia Città, ad opera dei tre anegli

Document info
Document views830
Page views830
Page last viewedFri Dec 09 18:40:23 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments