X hits on this document

835 views

0 shares

0 downloads

0 comments

88 / 299

Pochi minuti dopo, la Milizia della Fede viene consacrata quale unica Forza legittimata a portare armi nel territorio di Gradara, e i suoi compiti vengono ufficializzati cosi come concepiti dai suoi cinque fondatori.

L’Arena di Gradara viene scelta come sua sede e Quartier Generale.

Il reclutamento della Milizia inizia subito in forma massiccia, tutti i guerrieri e gli uomini in arme di Gradara, indipendentemente dal rango e dal ceto sociale vengono invitati a prestare giuramento e ad unirsi ai suoi ranghi, con l’unica condizione di dichiararsi fedeli ad uno dei Cinque Dei.

Molti valorosi guerrieri, tra cui Rackhir il Pirata, il mezzorco Maldiluna da Roccanegra, Dorian Draco Vendicatore di Kin e il misterioso Adam Kadmon, nomade delle Terre Gialle, si uniscono alle fila della Milizia.

Vengono altresi stilate le regole interne, attraverso uno statuto che verrà poi reso pubblico, che prevedono una struttura piramidale al cui apice stanno i Cinque Gran Maestri, seguiti dai Luogotenenti e dai Miliziani veri e propri.

Il governo di Gradara passa di fatto nelle mani dei Gran Maestri, che controllano ogni attività rilevante senza che nessuno osi ostacolarli.

Ma mentre la prima marcia dell’intera Milizia della Fede in assetto da guerra, attira su di se l’attenzione di tutta la città, qualcosa di terribile accade nell’ombra.

Una dopo l’altra, una serie di importanti figure vengono colpite da un misterioso e potentissimo veleno, che provoca una lenta morte e per il quale sembra non esserci alcuno scampo ne antidoto.

Secondo le prime indagini, sarebbero le pagine dell’antico Tomo dell’Erborista ad esserne intrise, e a fungere da micidiale mezzo di contagio, mentre l’identità degli untori resta in un primo momento avvolta nel più fitto mistero.

Il Gran Maestro Lerith, Namich Maglio di Luce, e la stessa Alia Sposa delle Tenebre, da poco nominata Matriarca di Atachel, sono tra le più illustri vittime di questo flagello.

Uno dopo l’altro, le vittime eccellenti del “Sangue dell’Abisso”, muoiono lentamente, scatenando la collera della cittadinanza e delle sue istituzioni, che si mettono alla caccia dei colpevoli.

Le indagini della Milizia della Fede sono fitte ed approfondite, vengono perquisiti interi edifici e interrogate decine di persone, ma dei libri e dei suoi utilizzatori, nessuna traccia.

Grazie alle informazioni fornite da due Goblin affiliati al Tempio di Atachel, Milo e Scasi Von Diakonov, vengono portati all’attenzione dei Gran Maestri i numerosi delitti e misfatti perpetrati dalla Confraternita della Lanterna, la gilda dei ladri di Gradara, i cui esponenti principali Ansaldo ed Aramil sembrano avere avuto un ruolo anche nel mancato ritrovamento dell’antidoto del “Sangue dell’Abisso”.

Sospettati di essere loro stessi gli untori, o comunque complici degli stessi, i due malviventi vengono braccati dalle squadre della Milizia, e vedendosi ormai con le spalle al muro decidono di abbandonare la città in fretta e furia, dandosi cosi alla fuga.

Di contro, la Milizia della Fede con un editto ufficiale dichiara bandita da Gradara la Confraternita della Lanterna, ne confisca i beni e spicca taglie “vivi o morti” sulla testa di tutti i suoi componenti, e di tutti coloro che saranno colti a supportarli in alcun modo.

E’ il secondo mese di Chel quando Alia si spegne, nel più profondo cordoglio dell’intera città e dopo aver ricevuto gli onori supremi dall’intera Milizia della Fede riunita intorno a lei e commossa ad ascoltare la sua ultima lezione.

Il Gran Maestro Rhaegar Targaryen, che era stato amante della donna, giura tremenda vendetta sugli autori del delitto, mentre il Templare di Kin Juda Freddafiamma, anch’egli sconvolto dalla collera, sfida a duello Sir Aidelion de Aqualong in una sorta di ordalia purificatrice.

Lo scontro è furioso e Juda combatte come un vero leone fino all’ultimo respiro, ma la superiorità del giovane Cavaliere in battaglia risulta essere troppo anche per lui, e alla fine un altro grande uomo abbandona Gradara accompagnato nell’ultimo viaggio da tutti i Gran Maestri della Milizia delle Fede, che ne officiano il funerale.

Gradara è mutilata ed indebolita, e cogliendo il momento propizio Rag-Nar torna a farsi sentire ed annuncia il suo arrivo per il mese successivo.

Document info
Document views835
Page views835
Page last viewedFri Dec 09 20:49:11 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments