X hits on this document

875 views

0 shares

0 downloads

0 comments

90 / 299

Ser Ripicca, riconoscendo in lui un legittimo rappresentante del Re (cosa comprovata da documenti ufficiali), cede a lui il comando dell’esercito per concentrarsi insieme a Sir Aidelion nella ricerca di Damon e Uriele, e nelle indagini riguardanti “il Nulla”.

I Templi Oscuri però, forti di una notevole forza militare, decidono di non appoggiare la figura del Generale Massimo, ignorando le sue disposizioni e chiudendosi in un ostile silenzio.

Non tollerando tale opposizione, il Generale impone la Legge Marziale e il coprifuoco per chiunque non appartenga all’esercito, con il divieto di portare armi a tutti coloro che non siano soldati del Re.

I templi di Atachel e Kin, di rimando, si radunano al riparo del Tempio del Dio della Morte, mentre sulla città cala una notte carica di tensione. Con una mossa a sorpresa, il Generale Massimo tenta infatti di eliminare in un colpo solo i suoi avversari, dando vita a quella che sarà ricordata come “Battaglia dei Topi”. Dopo aver circondato il Tempio di Kin, i soldati della Milizia bloccano la porta e incendiano delle cataste di legna disposte tutt’attorno alle mura del Tempio, trasformandolo in un enorme forno. Soltanto la presenza di un tunnel segreto che collega il Tempio di Kin a quello di Atachel permette ai membri dei Templi Oscuri di sfuggire al terribile rogo, ed emersi dal Tempio della Signora Oscura essi danno via ad un inaspettato contrattacco contro le truppe del Generale, uccidendo molti Miliziani e costringendo il Generale alla fuga. Al grido di “Gradara è nostra!”, i Templi Oscuri festeggiano prendendo possesso dell’Arena, sede di una Milizia ormai dispersa.

Pochi hanno notato, nella confusione della battaglia, che durante lo scontro un gruppo di persone dotate di torce è apparso lungo la Via dei Templi. Damon ed Uriele, corrotti dal Nulla, sono alla testa di un’intera squadra di seguaci armati. La mattina dopo, con sgomento di tutta la cittadinanza, viene alla luce che i documenti del Generale sono un falso, e che quest’ultimo è in realtà un impostore al servizio di Pisaurum, che doveva preparare la città ad un’imminente invasione da parte di tale Regno. Il Generale viene catturato e imprigionato, mentre la decisione sulla sua sorte deve essere rimandata dall’arrivo di una più grave minaccia: Gli Adepti del Nulla. Oltre a Damon e Uriele, essi possono contare su due notevoli alleati in più: Ser Ripicca e Sir Aidelion, distrutti dalla notizia di essere stati ingannati e di aver affidato la Milizia della Fede ad un traditore che ne ha provocato la rovina, sono stati a loro volta sedotti dalle promesse del Nulla. La battaglia dura per tutta la giornata, e nonostante le gravi perdite, l’esito vede la morte di tutti i seguaci del Nulla per mano dei guerrieri di Gradara. Mentre il Generale Massimo riesce a liberarsi e a fuggire, i Templi Oscuri guidati da Preah, Lord Draco e Sir Flydemberg consolidano il proprio potere, dichiarandosi di fatto come i nuovi Signori della Città. E’ il primo mese di Atachel, quando in città ritornano (avvertiti dai loro informatori dei tumulti accaduti durante la loro assenza) quelli che sono probabilmente gli ultimi membri rimasti della Milizia della Fede: il Gran Maestro Lord Rhaegar Targaryen, che ha riconquistato il proprio Feudo nel Reich, e i luogotenenti Rackhir, Maldiluna e Adam Kadmon. Sconvolti dalle condizioni critiche in cui versa la  città, i vecchi compagni d’arme si ritrovano al cospetto di Lord Draco e Sir Flydemberg nell’Arena che un tempo era stato il quartier generale della Milizia, e che ora è il nuovo Tempio di Kin. Trattati con sufficienza da parte dei due nuovi padroni di casa, i quattro vengono a sapere che la Milizia della Fede è stata sciolta a causa del Tradimento di Ripicca e Aidelion, e vengono congedati senza troppe smancerie, con l’implicito avvertimento di non interferire con il dominio dei Templi Oscuri su Gradara.

I quattro guerrieri tentano di trovare appoggio negli altri Templi della città, ma nessuno sembra più fidarsi di loro dopo quanto accaduto e gli altri Sacerdoti sembrano accettare passivamente il dominio di Kin ed Atachel, ed i soprusi che esso porta con se. Soltanto Lady Estell, a capo del Tempio di Kinich, si dice lieta del loro ritorno, e pronta a supportarli se dovessero decidere di spezzare il controllo di Draco e Preah sulla città. I quattro decidono di aspettare prima di agire, di osservare e di tenere sotto sorveglianza i Templi prima di decidere come muoversi, e a questo proposito fondano una Setta Segreta, chiamata Ordine della Fenice, il cui obiettivo è influenzare la politica di Gradara da dietro le quinte, e senza dare nell’occhio.

Ognuno di loro si occupa di un Tempio: Rhaegar di Kinich, Rackhir di Atachel, Maldiluna di Kin e Adam di Itzamna, controllando ogni decisione presa dai rispettivi capi e mettendo in comune tutte le informazioni che riescono a raccogliere. Per entrare nelle grazie di Preah, la Sacerdotessa di

Document info
Document views875
Page views875
Page last viewedSun Dec 11 04:53:48 UTC 2016
Pages299
Paragraphs4144
Words177797

Comments