X hits on this document

192 views

0 shares

0 downloads

0 comments

64 / 70

-

No, doloroso non si può dire…sai l’anestesia. Ma più che l’operazione è direi antipatico il seguito. Sai, sei sempre oggetto di curiosità…alcune volte morbosa.-

-

Tu te ne sei sempre infischiata. E ora? Dimmi, raccontami tutto.-

-

L’operazione non è stata niente d’eccezionale. La convalescenza, invece, è stata terribilmente accorta e minuziosa nelle prescrizioni mediche da osservare. Ora sto facendo una cura ormonale: mi stanno cadendo quei peluzzi che avevo sul labbro, e quelli sulle guance...la voce mi sembra più viva; insomma mi sto arrotondando un po’: i fianchi, le spalle e soprattutto nel seno. E ti debbo dire che proprio il seno mi mancava tanto…-

-

Va bene, ma la tua voce è stata sempre magnifica e il seno che avevi era già perfetto, piccolino ma perfetto.-

-

Ora va ancora meglio, te l’assicuro.-

-

Come invidio Ottavio.-

-

Ma dai…-

-

E adesso cosa farai?-

-

Mi sono licenziata dal Bristol e mi dedico solo alla pittura.-

-

Hai fatto benissimo. E cosa stai preparando?-

-

Una personale di quindici pezzi da esporre in una Galleria di Firenze.-

-

Non mi dire! Punti in alto, ragazzina. Ma fai bene, hai i mezzi per fare il grande salto. E il soggetto?-

-

No, niente soggetto. Sono opere varie. Ottavio, che mi ha organizzato la mostra, mi ha consigliato, come primo passo, di portare un ampio ventaglio delle mie opere. Vuole andare sul sicuro.-

-

Lui è stato sempre prudente.- e l’allusione alla verginità anale era evidentissima e cattiva.

-

Gigi, non essere cattivo con Ottavio. E’ una brava persona, in fondo…-

-

Scusami, ma sono, a volte, geloso come un siculo.- e la buttò a ridere.

-

E a te come và? - Chiese Adelina, per pura cortesia.-

-

Mi va bene. Ho perso solamente la pace, mio padre, il lavoro, qualche milioncino e forse anche Gina, - sai le polemiche in corso; poi ho perso il partito e sto perdendo il pacifismo, cioè i miei punti di forza; ho perso i miei migliori amici, giovani e vecchi - d’antiche amicizie – i quasi discepoli; e mi sto alienato la stima dei miei vecchi compagni di tante belle lotte, e, ancora e di peggio, come se non bastasse. Mia cara, sto disperdendo nell’aria tutti i miei ideali e… diffido dell’uomo. Che te ne pare? mi sembra che tutto vada nel modo giusto.

     Ciao ragazzina e ricordati di me, a Firenze fra i grandi artisti.-

-

Sei il mio migliore amico Gigi. Tieni duro, io ti penserò sempre. Addio.-

E, per completare il robusto elenco di cui sopra, un’altra batosta si abbattè sul capo di Gigi: Lo  scoppio del conflitto in Cecenia: I carri armati, gli aerei, i missili e gli elicotteri russi, sbriciolavano la capitale Grosnj, per vendicare i palazzi distrutti a Mosca, con centinaia di vittime civili, dalle organizzazioni terroristiche Cecene.

Che fai adesso, pacifista?

Che fare? Ma nulla! nulla di nulla e ancora nulla, perbacco! Accomodatevi pure uomini, scannatevi.

Tanto, tempo ne avete per fare guerre, e massacri, centenari.

E Gigi, a quel proposito, si ricordò ciò che lesse una volta, da ragazzo, nel romanzo “I Cosacchi” di Tolstoj, storia ambientata centocinquanta anni prima, al confine tra Cecenia e Russia, il cui protagonista, giovane rampollo cadetto di una nobile famiglia, per noia e per debiti, si fece cosacco e andò al confine, sul fiume Terek-  mi sembra – a fare l’appostamento ai ribelli ceceni, sparando dalla sponda destra; mentre i ceceni si appostavano e sparavano dalla sponda sinistra.

Quindi, dopo due secoli, cercavano ancora la loro indipendenza? La loro libertà? Chi lo sa! Fatto indiscusso è: che ancora si sparano, s’ammazzano, e s’accusano a vicenda.

Corsi e ricorsi - avrebbe detto, sconsolato, il Gigi d’altri tempi - e bravi, esseri umani, veramente bravi.- disse invece - Ma quando trarrete profitto dalle vostre recenti e ataviche esperienze? Poi si immobilizzò di colpo, e restò senza nulla in mente per qualche minuto, quindi con un smorfia di

Document info
Document views192
Page views192
Page last viewedWed Dec 07 11:16:50 UTC 2016
Pages70
Paragraphs2129
Words45296

Comments