X hits on this document

PDF document

Società multiculturale e cittadinanza nel tempo della globalizzazione. I casi di Modena e ... - page 103 / 106

293 views

0 shares

0 downloads

0 comments

103 / 106

PROGETTO n.6 - Progetto per Reggio Emilia Promozione delle prassi interculturali nella scuola: la memoria e la storia. Un museo della multiculturalità inventato dai ragazzi

Nella realtà scolastica esistono già molte pratiche interculturali, e la città di Reggio Emilia si è distinta nell’ambito della pedagogia d’avanguardia. Ma oggi la questione interculturale nell’ambito della scuola pone il problema di un altro tipo di elaborazione: del contributo dell’universo scolastico non soltanto alla formulazione di nuove cittadinanze plurali, ma sul lungo termine di un riconoscimento sociale delle memorie dell’immigrazione. Proprio perché si è consapevoli che l’immigrazione si situa sì in una prospettiva storica, ma che essa dovrà diventare la memoria non soltanto degli immigrati ma memoria della città. In tal senso questa memoria può divenire un corpo integrato alla memoria condivisa, alla storia del luogo: l’immigrazione partecipa attivamente alla costruzione di nuove memorie. La questione, molto delicata, deve evitare di far subire un trattamento differenziato alle diverse memorie sociali che incarnano la storia di una città. Essa deve riflettere la diversità etnica, religiosa, culturale, cultuale della vita urbana. La memoria diventa così un oggetto sociale plurale, le cui accezioni – politiche, ideologiche, etc. – impongono una riflessione sul lavoro sociale sulla memoria e sull’oblio, sulle logiche di conservazione, di distruzione, di riconoscimento o di rigetto. La memoria o le memorie dell’immigrazione devono essere trattate in quanto parte del patrimonio culturale. Nell’immigrazione vi è dunque un dovere di memoria, che implica un dovere di riconoscimento. Non si tratta

Document info
Document views293
Page views293
Page last viewedFri Dec 09 00:51:08 UTC 2016
Pages106
Paragraphs765
Words24781

Comments