X hits on this document

PDF document

Società multiculturale e cittadinanza nel tempo della globalizzazione. I casi di Modena e ... - page 57 / 106

303 views

0 shares

0 downloads

0 comments

57 / 106

Gli enti locali assumono grazie alla L.40/98 ruoli innovativi e tra loro integrati, grazie a una più razionale ripartizione delle competenze tra i diversi livelli di governo. Già in precedenza gli enti locali – soprattutto le regioni - erano di fatto chiamati a ad assumere un ruolo di supplenza nelle politiche di integrazione sociale, culturale e civile degli immigrati extracomunitari. Sono state crate così le Consulte per i problemi dell’immigrazione, che in alcune regioni hanno assunto denominazioni anche diverse. Si tratta di organismi a “composizione aperta” in cui rappresentanti delle istituzioni e dei destinatari degli interventi potessero incontrarsi e collaborare per definire al meglio i bisogni degli immigrati.

La produzione normativa regionale ha permesso di garantire in alcuni casi l’accesso ai servizi socio-sanitari, prescindendo dalle condizioni lavorative degli extracomunitari (LL.RR. Emilia Romagna n.14/90; Campania n.33/94; Toscana n. 72/90; Umbria n.18/90) o di facilitare l’inserimento nel mercato del lavoro attraverso misure incentivanti (LL.RR. Sardegna n.46/90; Campania n. 33/94; Toscana n. 22/90; Marche n.3/94). Dunque prima dell’emanazione della legge n.40/98 l’assenza di una legge statale che regolasse organicamente la materia poneva il problema di una disparità di trattamento a livello locale, con il rischio di una tendenza al sovraffollamento nelle regioni caratterizzate da una politica più solidaristica. La nuova legge sull’immigrazione rappresenta un progresso anche da questo punto di vista, stabilisce una condotta uniforme su tutto il territorio nazionale, anche mediante un complesso di regole volte a orientare gli enti e gli organismi coinvolti. Il regolamento attuativo, di prossima emanazione, consentirà di chiarire meglio il contenuto programmatico degli interventi.

L’art.3.1 prevede che ogni

tre anni il governo approvi e

trasmetta al

parlamento

il

documento

programmatico

concernente

la

politica

Document info
Document views303
Page views303
Page last viewedSat Dec 10 05:56:51 UTC 2016
Pages106
Paragraphs765
Words24781

Comments