X hits on this document

PDF document

Società multiculturale e cittadinanza nel tempo della globalizzazione. I casi di Modena e ... - page 60 / 106

258 views

0 shares

0 downloads

0 comments

60 / 106

(sentenza del 30.12.1998, pubblicata il 13.1.1999) che stabilisce che anche i cittadini stranieri in possesso di quei requisiti possono iscriversi nelle liste delle categorie protette, in condizione di parità con i cittadini italiani.

Ma il vero nodo su cui si giocherà la credibilità della legge sull’immigrazione n.40/98 – che ha come obiettivi la lotta alla clandestinità quindi una più efficace gestione ed eseguibilità delle espulsioni - è la perdita del permesso di soggiorno, riguardo alla quale la legge è in contrasto con l’art.8 della Conv.OIL 143/75 secondo cui “la perdita del posto di lavoro non può di per sé comportare la revoca di un permesso di soggiorno acquisito”. Ciò comporterebbe la possibilità che l’immigrato rimanga disoccupato anche a tempo indeterminato. Nello spazio di Schengen le normative in proposito variano nei diversi ambiti nazionali; in genere la revoca può avvenire se la disoccupazione si protrae oltre un certo limite. Secondo la L.40/98 (art.22.9) l’immigrato ha un anno di tempo per trovare un nuovo lavoro, quindi le questure sono obbligate per un anno a rinnovare il permesso di soggiorno. In Francia è stato proposto di ridurre tale periodo a sei mesi, in linea con il parere di una commissione di esperti dell’OIL che lo ha ritenuto sufficiente. Ma la preoccupazione è che queste restrizioni favoriscano il passaggio dalla regolarità alla clandestinità, specialmente in situazioni come quella italiana – ma anche di altri paesi europei – in cui vi è una diffusione notevole di lavoro nero, soprattutto per le categorie meno protette come gli immigrati. Nel regolamento applicativo della L.40/98, volto a chiarire molti punti della legge, viene stabilito che la questura ha l’obbligo di rinnovare il permesso di soggiorno a un extracomunitario, ma quest’ultimo entro il termine di un anno dovrà trovare un’occupazione regolare; otterrà un permesso di un anno se trova un lavoro a tempo determinato, di due anni se a tempo indeterminato, e se non lo trova il permesso non può più essere

Document info
Document views258
Page views258
Page last viewedTue Dec 06 08:12:34 UTC 2016
Pages106
Paragraphs765
Words24781

Comments