X hits on this document

PDF document

Società multiculturale e cittadinanza nel tempo della globalizzazione. I casi di Modena e ... - page 9 / 106

237 views

0 shares

0 downloads

0 comments

9 / 106

si sono tradotte e continuano a tradursi in ondate successive di immigrazione, a partire dai primi anni ’90. Le esplosioni demografiche di paesi che hanno visto la loro popolazione triplicarsi in quarant’anni o che hanno una popolazione di cui oltre il 60% ha meno di vent’anni, rendono l’immigrazione ua via obbligata. Inoltre fenomeni ancor più complessi legati alla desertificazione favoriscono queste dinamiche. La questione migratoria si è dunque radicalmente trasformata nella sua relazione con il quadro geopolitico mondiale e lo sviluppo economico dei paesi industriali: mentre negli anni ’60 e ’70 erano le politiche sociali a dominare il quadro d’intervento dei fenomeni migratori, oggi si assiste all’esatto contrario: i fenomeni migratori sovrastano gli assetti politici mondiali, a causa dell’ampiezza del fenomeno e soprattutto a causa dell’assenza di quadri concettuali di riferimento. L’Europa ne fa attualmente esperienza; e non si assiste quasi più alla messa in moto di vere e proprie politiche sociali, in grado di gestire il fenomeno; al contrario l’immigrazione è analizzata in funzione dell’ideologia della sicurezza, che è allo stesso tempo una tecnica amministrativa e una politica. Appare evidente la discrepanza fra le logiche istituzionali di governo a livello nazionale, il ruolo dei governo locali e le associazioni, che hanno una doppia funzione: quella di mantenere uno stretto contatto con la realtà di questi fenomeni e di poter fungere da interlocutore e mediatore fra istanze locali e questo segmento della popolazione. Questa situazione non contribuisce a rendere omogeneo il trattamento sociale, culturale e istituzionale del fenomeno, ma può invece determinare forti differenze nel modo di trattare il fenomeno da una realtà locale all’altra: perché proprio su questo terreno si confrontano sensibilità politiche che spesso si pongono su un fronte di rifiuto dell’immigrazione.

Document info
Document views237
Page views237
Page last viewedSat Dec 03 20:14:56 UTC 2016
Pages106
Paragraphs765
Words24781

Comments