X hits on this document

Word document

RELAZIONE GENERALE - page 33 / 41

115 views

0 shares

0 downloads

0 comments

33 / 41

presenta il vantaggio della distribuzione di tubazioni di alimentazione particolarmente contenute, in quanto il fluido termovettore non è acqua, ma un fluido refrigerante (R410a). Il carico termico del fluido è tale da poter consentire la distribuzione dell'energia necessaria con dimensioni di tubazioni relativamente ridotte.

Per l'aria primaria, il dimensionamento dell'impianto è stato fatto considerando la portata pro capite prescritta dalla norma UNI 10339 per gli ambienti museali ed il numero massimo di visitatori che è stabilito dalle norme di sicurezza oltre che dalle limitazioni di dimensioni dei canali che è possibile distribuire in ambiente.

Il sistema a Volume di Refrigerante Variabile è del tipo a pompa di calore. Le unità esterne sono dotate di compressore scroll funzionante con liquido refrigerante R410A azionato da motore DC Inverter e di condensatore, raffreddato ad aria, con flusso d'aria orizzontale.

Le unità interne sono dotate di valvola di laminazione e regolazione dell'afflusso di refrigerante pilotata da un sistema di controllo a microprocessore con caratteristica PID (proporzionale - integrale - derivativa) che consente il controllo della temperatura ambiente con la massima precisione. Ogni terminale VRV è dotato di scarico della condensa collegato alla rete di scarico.

L'impianto aria primaria avrà lo scopo principale di garantire un adeguato ricambio aria ambiente, oltre che, per quanto possibile, un controllo dell'umidità relativa ambiente.

La distribuzione dell'aria sarà affidata a canali in lamiera zincata sendzimir, posati in parte a vista nel sottottetto e in parte sfruttando cavedi e camini già disponibili. I canali alimenteranno griglie di distribuzione variamente distribuiti in ambiente.

Document info
Document views115
Page views115
Page last viewedSat Dec 10 09:23:28 UTC 2016
Pages41
Paragraphs294
Words8864

Comments