X hits on this document

Word document

BOZZA INCOMPLETA - page 32 / 82

220 views

0 shares

0 downloads

0 comments

32 / 82

F

FABBISOGNO DI CASSA

COMPLETARE

FALLIMENTO

Situazione di impossibilità da parte dell’impresa a far fronte agli impegni, talmente grave da comportare l’interruzione traumatica della sua attività. Si pongono le problematiche della liquidazione, cioè della gestione temporanea di debiti e crediti (più in generale di attività e passività) mirata restituire, almeno in parte, quanto spetta ai creditori. In questi casi un’azione di sorveglianza è esercitata dal Tribunale che può nominare un amministratore straordinario, detto curatore fallimentare, il cui obiettivo primario è soddisfare al meglio i diritti dei creditori.

FALSO IN BILANCIO

Reato commesso da chi amministra una Società e rappresenta dolosamente in bilancio dati diversi dal vero. La previsione di tale reato è mirata alla difesa, sia dei soci di minoranza (che non partecipano alla gestione), sia dei soggetti esterni (per esempio clienti, fornitori o potenziali acquirenti di quote societarie in particolare attraverso azioni quotate in borsa).

E’ oggetto di polemica la circostanza che sono state recentemente (2002) ridimensionate in Italia le fattispecie e le sanzioni n caso di falso in bilancio mentre si preparano negli USA (e forse in Francia) inasprimenti dopo gli scandali generati da scorrettezze commesse da grandi società quotate in borsa.

FAME NEL MONDO

Tragico esempio del dilemma di fondo tra intervento di emergenza (limitare e se possibile arrestare il genocidio di popoli al di sotto del limite di sopravvivenza alimentare) e intervento strutturale (creare le condizioni per lo sviluppo); questa scelta (o almeno un dosaggio accettabile) dovuta alla scarsità di risorse finanziarie e logistiche non a scarsità oggettiva di alimenti è tragica e mostra i limiti della nostra civiltà.

Gli aiuti ai PVS sono doverosi, ma non si può nemmeno fingere di ignorare che detti aiuti nei paesi di destinazione (per scelte criticabili, ma molto frequenti della loro classe dirigente) hanno alimentato la corruzione e la corsa agli armamenti, mentre nei paesi di provenienza hanno a volte visto la scorrettezza, fino al limite dell’illegalità, nella scelta dei contenuti e dei soggetti erogatori degli aiuti, per non parlare di frequente insipienza su usi e costumi dei destinatari, e di inadeguatezze logistiche e organizzative che hanno portato a sprechi di risorse di vaste proporzioni.

Tra gli organismi che tentano di combattere la fame nei PVS il più impegnato è la FAO. Più in generale la possibilità di commercio di derrate alimentari, anche nei suoi risvolti legati alla fame nel mondo, è fra i temi di competenza del WTO.

L’attuale fase di globalizzazione se, da una parte, con la specializzazione delle funzioni può esaltare gli handicap dei paesi poveri, dall’altra, con l’eliminazione delle barriere al commercio mondiale, crea opportunità di sviluppo che potrebbero avviare a soluzione questo tragico problema.

18/11/2002

Document info
Document views220
Page views220
Page last viewedSat Dec 10 14:08:54 UTC 2016
Pages82
Paragraphs1460
Words27465

Comments