X hits on this document

Word document

BOZZA INCOMPLETA - page 45 / 82

235 views

0 shares

0 downloads

0 comments

45 / 82

Gestione caratteristica

(vedi GESTIONE EXTRACARATTERISTICA)

Gestione extra caratteristica

Attività di un’impresa (e relativi effetti sul bilancio) che per natura e/o contenuto non rientrano in quella primaria, tipica dell’impresa stessa che è detta appunto gestione caratteristica. Ad esempio, fa parte della gestione extracaratteristica l’attività di gestione di  immobili svolta temporaneamente da un’impresa metalmeccanica che si trovi proprietaria di fabbricati non direttamente impiegati per la produzione. L’attività di gestione di  immobili è invece ovviamente caratteristica (e non extracaratteristica) per un’impresa di natura immobiliare.

Gestione finanziaria

Saldo tra le due componenti:

proventi finanziari (entrate derivanti dalla gestione delle risorse finanziarie disponibili in quanto non impiegate immediatamente per la necessità dell’azienda, per esempio il rendimento di titoli temporaneamente detenuti)

oneri finanziari (uscite derivanti dalla restituzione di capitale e interesse ai creditori che hanno prestato il loro denaro all’azienda)

Gestione straordinaria

Risultato di eventi eccezionali che non si ripetono nel corso della vita ordinaria dell’azienda. Rientrano in questa categoria la cessione di un cespite, per esempio un immobile, o la stessa cessione di un ramo d’azienda. Altro esempio è la soluzione di un lungo contenzioso che dia luogo a straordinarie entrate o uscite a carattere irripetibile.

Se il risultato è positivo si determina un provento straordinario, se il risultato è negativo si determina un onere straordinario.

Nell’esame del valore di un’azienda occorre distinguere fra un risultato positivo dovuto a eventi straordinari, magari irripetibili, o dovuto a eventi fisiologici.

V. ORGANIZZAZIONE DELL’IMPRESA

GIACENZE

Beni facenti parte del normale flusso di materiali che per qualche motivo restano nell’azienda. Si distinguono due categorie principali:

a)

giacenze di materie prime e semi lavorati (giacenze in ingresso);

b)

giacenze di prodotto finito (giacenze in uscita)

Dal punto di vista bilancistico del magazzino fanno parte anche le costruzioni interne.

La natura patologica o meno delle giacenze dipende ovviamente dalla loro entità, se sono in entità fisiologica si usa chiamarle scorte; al contrario, il termine rimanenze lascia in genere intendere che siamo al di fuori della fisiologia.  

Un altro concetto fortemente connesso è magazzino: il suo significato proprio è quello di luogo dove le giacenze sono custodite, ma molto spesso con il nome del contenitore si intende il contenuto.

18/11/2002

Document info
Document views235
Page views235
Page last viewedSun Dec 11 08:53:00 UTC 2016
Pages82
Paragraphs1460
Words27465

Comments