X hits on this document

1008 views

0 shares

0 downloads

0 comments

24 / 417

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417

PUNTI DI DEBOLEZZA

PUNTI DI FORZA

OPPORTUNITÀ

RISCHI

1.

la struttura del mercato del lavoro

2.

l’andamento degli investimenti sia pubblici che privati;

3.

la capacità di innovare del sistema socio-economico regionale nel suo insieme;

4.

inadeguati livelli di qualità della vita dell’intera comunità regionale;

5.

lo scarso sviluppo di economie legate alla valorizzazione delle ingenti risorse naturali, ambientali e culturali ampiamente presenti a livello;

6.

l’insufficiente presenza di nuovi comparti a maggiore intensità di conoscenza;

7.

il mancato consolidamento del sistema produttivo regionale;

8.

una sensibile differenziazione interna del livello di sviluppo territoriale che contraddistingue la regione;

9.

il sistema ambientale pugliese, che necessita d'interventi integrati soprattutto in termini di risanamento e

1.

un numero ampio di giovani alla ricerca di occupazione in possesso di livelli di scolarizzazione medio-alti;

2.

un sistema di imprese minori diffuso a livello territoriale e particolarmente dinamico;

3.

un patrimonio ambientale, naturale e storico-artistico significativo e presente su gran parte del territorio regionale;

4.

un sistema regionale di offerta di formazione e di innovazione ampio e diffuso sul territorio;

5.

una collocazione geografica che pone la regione come crocevia privilegiato nelle direttrici di comunicazione nei confronti dell’area balcanica da un lato, e del Centro-Europa dall’altro (corridoio n.8 e n.10);

6.

un crescente livello di attrattività della Puglia da parte di investimenti produttivi.

Una crescente attenzione a livello comunitario e nazionale alla salvaguardia e valorizzazione delle risorse naturali ed ambientali.

Sviluppo della domanda di turismo legata alla fruizione di beni culturali.

Ampliamento delle opportunità offerte dalle tecnologie info-telematiche alla qualificazione ed allargamento sia dell’offerta che della domanda.

Cambiamento dei modelli di consumo e di spesa verso una maggiore domanda di servizi ad elevato contenuto culturale.

Nuovi indirizzi in ambito nazionale ed europeo di politica attiva del lavoro e di politiche per l’occupazione.

Nuovi sbocchi lavorativi offerti dallo sviluppo delle tecnologie della società dell’informazione.

Nuovo ruolo affidato agli Enti locali dalla recente legislazione sulle autonomie locali e sul decentramento maggiormente rivolto alla

Espansione delle aree di degrado dovuti ai fenomeni antropici e naturali.

Elevata competitività di altre regioni nazionali ed europee.

Processi di divisione internazionale del lavoro che possono relegare il sistema produttivo regionale su specializzazioni a basso contenuto di lavoro qualificato.

Ampliamento dei fenomeni di economia sommersa e lavoro irregolare anche connessi allo sfruttamento dell’immigrazione clandestina.

Progressiva diffusione di fenomeni di criminalità organizzata anche connessa ai crescenti traffici illeciti internazionali.

Accentuata competizione di altri centri urbani europei con conseguente emarginazione dai flussi internazionali di investimenti a più alto valore aggiunto anche in relazione allo sviluppo delle produzioni ecocompatibili.

Difficoltà derivanti dalla

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417
Document info
Document views1008
Page views1008
Page last viewedMon Dec 05 16:58:39 UTC 2016
Pages417
Paragraphs14134
Words121591

Comments