X hits on this document

982 views

0 shares

0 downloads

0 comments

38 / 417

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417

I lavori dei Tavoli settoriali regionali sono stati avviati subito dopo la predetta Delibera del CIPE e la successiva Delibera della Giunta regionale, gli Assessorati capofila hanno convocato le riunioni del rispettivo Tavolo; nel complesso la partecipazione e l’interazione tra i partecipanti ai Tavoli è stata elevata.

E’ stato inoltre costituito un “Comitato regionale” al quale partecipano le suddette parti sulla base delle regole minime di partenariato predisposte dal Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e Coesione. Alle valutazioni dello stesso è stato sottoposto il Rapporto Interinale Regionale e lo stesso Programma Operativo.

Il lavoro svolto si è avvalso anche di memorie e documenti elaborati da organizzazioni/enti espressione del Partenariato economico-sociale, anche di livello sub-regionale.

Nel Tavolo regionale si è avuta una forte concentrazione di soluzioni per il perseguimento di strategie e di configurazione di obiettivi all’interno degli Assi Prioritari; attività che è risultata strategica e funzionale alla programmazione delle linee d’intervento.

Per una più diffusa operatività, l’apporto e le modalità di coinvolgimento del Partenariato andranno adattate alle esigenze specifiche della programmazione operativa, cioè nella fase della definizione del “Complemento di programmazione”, nonché in quella dell’attuazione, sorveglianza e valutazione degli interventi programmati e per la loro eventuale riprogrammazione.

Per quanto concerne il partenariato istituzionale, il punto di riferimento è costituito dal protocollo d’intesa concluso il 25 marzo 1999 tra Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome, da una parte, e l’ANCI e l’UPI dall’altra.

In entrambi i protocolli le parti si impegnano a “valorizzare il metodo della concertazione al fine di consentire la collaborazione e l’azione coordinata fra i diversi livelli di Governo nel quadro delle rispettive competenze”.

Nel protocollo sottoscritto dall’ANCI, le parti aderiscono a favorire un impianto istituzionale di allocazione delle funzioni amministrative, che vede nei Comuni singoli e associati i “gestori” delle funzioni e nelle Regioni i “programmatori”  delle funzioni. Nel protocollo con l’UPI si afferma il “ruolo di programmazione” e, in specifici ambiti, la responsabilità della gestione delle Province.

L’attuazione del partenariato sarà imperniato sulle strutture regionali responsabili della programmazione e dell’effettivo coordinamento intersettoriale.

A dette strutture spetterà, anche, definire, proporre e attuare con le strutture regionali di settore modelli  operativi di partenariato istituzionale con le Amministrazioni statali di Settore e con il D.P.S., al fine di consolidare un processo di consultazione continuo e uno scambio di informazioni e collaborazioni per attuare gli interventi.

Il Comitato regionale di concertazione istituito per la preparazione del POR, ne seguirà il percorso attuativo in modo permanente.

Fanno parte del Comitato di Concertazione, oltre agli Assessori regionali, Presidenti dei tavoli settoriali, le organizzazioni rappresentative degli Enti locali (ANCI, UPI, UNCEM), l’ABI, le organizzazioni di categoria, le organizzazioni sindacali,

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132
133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171
172
173
174
175
176
177
178
179
180
181
182
183
184
185
186
187
188
189
190
191
192
193
194
195
196
197
198
199
200
201
202
203
204
205
206
207
208
209
210
211
212
213
214
215
216
217
218
219
220
221
222
223
224
225
226
227
228
229
230
231
232
233
234
235
236
237
238
239
240
241
242
243
244
245
246
247
248
249
250
251
252
253
254
255
256
257
258
259
260
261
262
263
264
265
266
267
268
269
270
271
272
273
274
275
276
277
278
279
280
281
282
283
284
285
286
287
288
289
290
291
292
293
294
295
296
297
298
299
300
301
302
303
304
305
306
307
308
309
310
311
312
313
314
315
316
317
318
319
320
321
322
323
324
325
326
327
328
329
330
331
332
333
334
335
336
337
338
339
340
341
342
343
344
345
346
347
348
349
350
351
352
353
354
355
356
357
358
359
360
361
362
363
364
365
366
367
368
369
370
371
372
373
374
375
376
377
378
379
380
381
382
383
384
385
386
387
388
389
390
391
392
393
394
395
396
397
398
399
400
401
402
403
404
405
406
407
408
409
410
411
412
413
414
415
416
417
Document info
Document views982
Page views982
Page last viewedMon Dec 05 03:34:51 UTC 2016
Pages417
Paragraphs14134
Words121591

Comments