X hits on this document

80 views

0 shares

0 downloads

0 comments

21 / 32

La dicotomia capacità giuridica/capacità di agire, nata nell'ambito dei rapporti patrimoniali dove è possibile distinguere un aspetto statico e un aspetto dinamico del diritto, non appare idonea a regolare le relazioni di tipo personale nelle quali diviene rilevante l'attitudine del soggetto a valutare e perseguire i propri interessi.

In questa direzione si muovono alcune leggi recenti. La l. 281/1986 riconosce agli studenti il diritto, che deve essere esercitato personalmente, di scegliere se avvalersi dell'insegnamento della religione cattolica; la l. 135/1990 afferma il principio secondo cui la comunicazione dei risultati degli esami diagnostici tendenti ad accertare l'infezione da HIV può essere data alla persona cui le analisi si riferiscono (art. 5).

La capacità naturale consente pure di attribuire rilevanza giuridica ad una serie di altri atti, anche di natura patrimoniale, il cui esercizio risulta strumentale alla realizzazione del pieno sviluppo e della libera esplicazione della persona umana. Si tratta di atti comuni (piccoli acquisti, iscrizione ad associazioni culturali, sportive, ecc.), realizzati abitualmente nello svolgimento della propria vita, denominati atti della vita quotidiana.

Rappresentanza

istituto mediante il quale un soggetto, in virtù di un potere attribuitogli dalla legge o dall'interessato, agisce in sostituzione di un altro soggetto, compiendo atti giuridici in nome e/o nell'interesse di quest'ultimo.

Document info
Document views80
Page views80
Page last viewedThu Dec 08 10:51:44 UTC 2016
Pages32
Paragraphs468
Words17983

Comments