X hits on this document

61 views

0 shares

0 downloads

0 comments

25 / 32

Sentenza costitutiva

provvedimento giurisdizionale che incide, modificandola, su una situazione giuridica preesistente.

Atti di ordinaria amministrazione

atti negoziali riguardanti la conservazione dei beni ed il consumo del reddito, inidonei ad alterare l'integrità del patrimonio.

Incapacità naturale

L'incapacità naturale è la condizione di chi non è in grado di intendere o di volere nel momento in cui pone in essere un negozio (art. 428 c.c.).

L'incapacità di intendere o di volere può essere transitoria o permanente e derivare da cause diverse (ubriacatura, ictus cerebrale, malattia mentale grave non accertata giudizialmente); ciò che importa è che sia attuale nel momento in cui si compie l'atto. In questo caso il negozio è annullabile. Se si tratta di atto unilaterale è però necessario che ne sia derivato o possa derivarne un grave pregiudizio all'autore, se si tratta di contratto deve risultare la malafede dell'altra parte che si è resa conto dello stato di incapacità del soggetto.

L'art. 428 c.c. rappresenta una norma di chiusura del sistema della capacità delle persone fisiche, poiché tende a coprire le ipotesi in cui si determina una sfasatura tra la situazione formale di capacità di agire e la condizione di fatto di incapacità. La regola esprime l'esigenza di contemperare l'interesse dell'incapace naturale con quello dei terzi che entrano in contatto con lui. Questi ultimi non sono in grado di verificare lo stato del soggetto attraverso le ordinarie forme di pubblicità trattandosi di una incapacità non dichiarata.

Atto unilaterale

è l'atto nel quale la manifestazione di volontà produttiva di effetti giuridici proviene da una sola parte.

Document info
Document views61
Page views61
Page last viewedSat Oct 29 00:21:07 UTC 2016
Pages32
Paragraphs468
Words17983

Comments