X hits on this document

Word document

LexUriServ.do?uri=COM:2004:0391:FIN:IT:DOC - page 12 / 214

612 views

0 shares

0 downloads

0 comments

12 / 214

Le attuali disposizioni comunitarie relative all’attraversamento delle frontiere esterne degli Stati membri e all’eliminazione di qualsiasi controllo sulle persone alle frontiere interne fanno parte dell’acquis di Schengen integrato nell’ambito dell’Unione europea. Tuttavia, l’acquis esistente deve essere chiarito, sviluppato e completato. È dunque evidente che l'acquis esistente in relazione alle frontiere interne ed esterne potrà essere sviluppato esclusivamente sulla base di misure comunitarie fondate sul trattato CE.

L'articolo 5 del trattato CE dispone che «l'azione della Comunità non va al di là di quanto necessario per il raggiungimento degli obiettivi del presente trattato».

La forma prescelta per questa azione comunitaria deve permettere alla proposta di raggiungere il suo obiettivo e di essere attuata il più efficacemente possibile.

Poiché l'iniziativa proposta, e cioè l’istituzione di un «Codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone» rappresenta uno sviluppo dell’acquis di Schengen, lo strumento prescelto è un regolamento, di modo che la sua applicazione armonizzata in tutti gli Stati membri che applicano l’acquis di Schengen.

5. Conseguenze connesse ai vari protocolli allegati ai trattati

La base giuridica delle proposte relative alle misure concernenti l’attraversamento delle frontiere interne ed esterne degli Stati membri è contenuta nel titolo IV del trattato CE e dunque si applica il sistema a geometria variabile previsto dai protocolli sulla posizione del Regno Unito, dell’Irlanda e dalla Danimarca, nonché dal protocollo Schengen.

La presente proposta sviluppa l'acquis de Schengen. Ecco perché è necessario esaminare le conseguenze connesse ai vari protocolli, descritte qui di seguito:

Regno Unito e Irlanda

Ai sensi degli articoli 4 e 5 del protocollo sull’integrazione dell’acquis di Schengen nell’ambito dell’Unione europea, "l'Irlanda e il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, i quali non sono vincolati all’acquis di Schengen, possono, in qualsiasi momento, chiedere di partecipare, in tutto o in parte, alle disposizioni di detto acquis".

La presente proposta sviluppa le disposizioni dell'acquis di Schengen, ai quali il Regno Unito e l’Irlanda non partecipano, in conformità alla decisione (CE) n. 365/2000 del 29 maggio 2000 relativa alla richiesta del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, e alla decisione (CE) n. 192/2002 del 28 febbraio 2002 relativa alla richiesta dell’Irlanda di partecipare ad alcune disposizioni dell’acquis di Schengen. Il Regno Unito e l'Irlanda non partecipano quindi alla sua adozione e non sono vincolati da questa proposta né soggetti alla sua applicazione.

Inoltre, per quanto riguarda le frontiere interne (titolo III del presente regolamento), bisogna altresì tener conto del protocollo sull’applicazione di alcuni aspetti dell’articolo 14 del trattato che istituisce la Comunità europea al Regno Unito e all’Irlanda, secondo cui Regno Unito e Irlanda sono autorizzati ad istituire od esercitare controlli alle loro frontiere, ivi comprese le frontiere dei territori le cui relazioni esterne ricadono sotto la responsabilità del Regno Unito. Secondo il

IT12IT

Document info
Document views612
Page views612
Page last viewedFri Dec 09 05:02:35 UTC 2016
Pages214
Paragraphs4808
Words45355

Comments