X hits on this document

Word document

LexUriServ.do?uri=COM:2004:0391:FIN:IT:DOC - page 22 / 214

636 views

0 shares

0 downloads

0 comments

22 / 214

utilizzare le altre corsie, che non sono più indicate con l’indicazione «NON UE/SEE» ma con l’indicazione «TUTTI I PASSAPORTI». I modelli di tale segnaletica figurano in allegato VI.

Entro il 1° giugno 2009, gli Stati membri dovranno adattare tutta la segnaletica ai valichi di frontiera; tuttavia, se essi sostituiscono o predispongono una nuova segnaletica già prima di tale data, le indicazioni minime qui stabilite dovranno essere seguite. Ciò è altresì ripreso dalla suddetta proposta.

Alle frontiere tra gli Stati membri che non hanno ancora abolito i controlli alle loro frontiere comuni, a causa dell’applicazione in due fasi dell’acquis di Schengen, l’applicazione delle disposizioni di tale articolo è facoltativa. Ciò si spiega con l’intento di evitare di imporre agli Stati membri investimenti eccessivamente onerosi a frontiere che, per loro natura, sono solo frontiere esterne «temporanee».

Articolo 9

L’apposizione dei timbri sui documenti di viaggio è attualmente disciplinata dal punto 2.1 della parte II del manuale comune. Ai sensi della proposta sull’apposizione di timbri sopra citata, è introdotto l’obbligo di apporre «sistematicamente» i timbri sui documenti di viaggio (paragrafo 1).

Il paragrafo 2 prevede eccezioni al principio dell’apposizione di timbri sui documenti di viaggio dei cittadini di paesi terzi: oltre a riprendere le eccezioni già previste ai punti 2.1.1, 21.5 e 2.1.6 della parte II del manuale, è altresì inserita l’esenzione dall’apposizione di timbri per i beneficiari del piccolo traffico frontaliero, al fine di essere coerenti con le citate proposte sul traffico frontaliero locale e sull’apposizione di timbri.

Per ciò che concerne, il timbro di uscita, il paragrafo 3 specifica che esso deve essere apposto in modo sistematico sui documenti che consentono l’attraversamento della frontiera contenenti un visto per più ingressi, accompagnato da una limitazione della durata totale del soggiorno.

Infine, il paragrafo 4 si riferisce all’allegato VII per quanto riguarda le modalità pratiche dell’apposizione di timbri. Le modalità d’apposizione del timbro, nonché la sua forma e le sue caratteristiche, non sono state modificate; sono state tuttavia aggiunte disposizioni che riprendono le conclusioni del Consiglio GAI del 5 e 6 giugno 2003 relative a speciali caratteristiche di sicurezza dei timbri uniformi d’ingresso e di uscita (documento del Consiglio n. 9390/03 FRONT 60 COMIX 308). Tali disposizioni prevedono in particolare che i codici di sicurezza siano cambiati di frequente e che lo stesso codice di sicurezza sia valido al massimo per un mese. È previsto, inoltre, un sistema di scambio di informazioni sui codici di sicurezza dei timbri, nonché sui timbri smarriti o rubati; tale scambio avviene per mezzo dei punti di contatto nazionali per lo scambio di informazioni sui codici di sicurezza utilizzati ai valichi di frontiera (indicati nel documento del Consiglio n. 7221/03 FRONT 23 COMIX 147 (UE RISERVATO).

IT22IT

Document info
Document views636
Page views636
Page last viewedSat Dec 10 09:09:30 UTC 2016
Pages214
Paragraphs4808
Words45355

Comments