X hits on this document

546 views

0 shares

0 downloads

0 comments

161 / 212

di fare questo passo io ho fatto tutti i tentativi. Gli avevo trovato anche dei posticini buoni” (Fiammetta). Per Rosalia la separazione dal marito ha significato l’impossibilità di fare ritorno al paese di origine in provincia di Cosenza: “…Nu ci sono tornata per vergogna. Sai da noi come u dicono? Mariti e figli come ti mamma ti pigli”.

I figli, ormai grandi e spesso a loro volta genitori, rappresentano un bene assolutamente prezioso per i nostri intervistati. Ancora adesso i genitori anziani intrattengono con loro fitti rapporti di scambi di assistenza fatti anche di sincero affetto.

Vittorio esprime teneramente quello che i figli rappresentano per un genitore: “I figli, per me… e per tutti… penso che i figli contino più di tutto, ecco. Un uomo con dei figli è disposto a tutto. Io… quando ne ha uno pensa che non ci sia posto per un altro, ma quando ne ha un altro si accorge che c’è posto anche per quell’altro. Mi ricordo sempre che, quando nascono… uno li guarda e dice “ok, eccolo qui” e sembra che non conta nulla, ma nel giro di otto giorni io dicevo… che se mi dicessero “guarda, il bambino sta male, bisogna tagliargli una gamba” gli avrei detto “possono tagliare la mia?”. Nel giro di otto giorni quel cirullino finisce per riempire tutto”.

Vincenzo addirittura a volte seguiva da lontano il figlio minore quando la sera andava fuori con gli amici: “Sono più liberi, ed è bene perché uno(…) Però bisogna anche stargli addosso a seguirli i figli, non lasciarli allo sbaraglio. Nelle discoteche io sono stato… Quando mio figlio il giovane andava in discoteca e mi diceva “Babbo ma io ci ho vent’anni! Ma che vieni a fa’ fuori dalla discoteca a guardarmi?” E invece io no, io son sempre andato di notte con la macchina, di lontano, a guardarlo e osservarlo”.

Il rapporto nonno-nipoti

Per i nonni poi il rapporto con i nipoti sembra ancora più appagante di quello che avevano con i figli, se non altro più divertente, come si capisce da quanto ci raccontano Pietro: “Perché mentre i figli danno anche pensieri, coi nipoti invece i pensieri sono un po’ più dei genitori che nostri” e Alfredo, che la sera passa il tempo a giocare con i nipoti :Perché… forse lo spirito mio, lo spirito… mi sento bene perché le ho detto anche… sono sempre tra i figlioli, i nipoti, anche questo vuol dire molto, io ho i nipoti la sera che si sta insieme, si gioca dell’ore, si partecipa, giocano loro due “nonno vieni

Document info
Document views546
Page views546
Page last viewedFri Dec 09 05:54:53 UTC 2016
Pages212
Paragraphs5981
Words57406

Comments