X hits on this document

589 views

0 shares

0 downloads

0 comments

172 / 212

motivo della crisi che può porre fine al successo economico del distretto cui gli anziani hanno contribuito. Oltre a questo si pensa che l’immigrazione possa pregiudicare le sorti del lavoro tramandato ai figli: “…perché a Prato si sa fare le pezze bene... Facevamo la maglieria bòna... gli è venuto i cinesi a Prato, si è dato spazio a loro, si è lasciato lavorare loro senza regole, senza pagare tasse, senza disciplina, dando libertà di affluenza quanto voleano... ci siamo resi conto che questi ci fanno le scarpe, non c’è più a Prato un pratese che fa la maglieria. Tutto in mano a loro a metà prezzo… ma questo gli è stato fatto perché un si dice di non dare ospitalità alle persone… ma ci vuole una regola in tutte le cose… in una famiglia se non c’è le regole non ci sta i frati, dice il proverbio... (Giuseppe).

I vari cambiamenti sociali, cui hanno assistito i nostri anziani, riguardano sicuramente anche tutte quelle trasformazioni nei valori che reggono la convivenza della collettività. Queste trasformazioni vengono avvertite con rammarico, con la nostalgia verso principi e regole di comportamento che adesso sembrerebbero non esistere più (“Consideri poi che io vivevo in campagna e di conseguenza la vita era in maniera diversa, insomma. Ora no, ora c’è la televisione, tutti guardano la televisione, e non si va più nemmeno a prendere un caffè al bar”, Vittorio).

Cesarina ci parla del venir meno dei legami di solidarietà e di assistenza che caratterizzavano invece le relazioni di vicinato ai tempi della sua giovinezza: “C’era più amore prima, anche fra i’ vicinato… ora io un abitavo qui, abitavo, ‘nsomma, ‘ndo c’è la banca… ma e mi ricordo l’era un cortile, s’era come tutt’una famiglia! Ora un esiste più, queste cose. Ognuno gli sta ‘n casa sua… un è così? C’era più amore, anche tra i’ vicinato, mi ricordo c’era le veglie in casa…

I cambiamenti della città agli occhi degli anziani

Le considerazioni dei nostri intervistati riguardano anche il cambiamento nell’assetto urbanistico della città. E’ un cambiamento quindi anche fisico, di luoghi e di spazi, che ha interessato negli anni il territorio e che lo ha reso completamente diverso da quello in cui sono nati e in cui hanno trascorso gli anni della loro giovinezza.

Document info
Document views589
Page views589
Page last viewedSat Dec 10 22:47:23 UTC 2016
Pages212
Paragraphs5981
Words57406

Comments