X hits on this document

563 views

0 shares

0 downloads

0 comments

3 / 212

Presentazione

Indagare il rapporto che hanno gli anziani con il lavoro, la famiglia, la vita affettiva, il proprio futuro, non è solo una necessità dettata dall’esigenza di creare strumenti che siano di aiuto per le scelte delle amministrazioni, ma soprattutto è una opportunità per stabilire un contatto con un mondo, quello degli ultrasessantacinquenni, che rappresenta una risorsa preziosa per ogni società.

La ricerca, affidata da Gerardina Cardillo, assessore alle Politiche sociali dell’ente nella scorsa legislatura, ad Asel si inserisce nell’ambito della più ampia attività dell’Osservatorio sociale della Provincia. Fin dall’inizio lo studio puntava a superare gli stereotipi della terza età come anello debole, passivo della struttura sociale, della terza età come malattia globale.

Ma in realtà è andata ben oltre: le risposte del campione di circa 250 persone intervistate ci mettono di fronte alla vitalità e all’impegno quotidiano nella vita sociale, a volte professionale, affettiva e familiare degli anziani. Una risorsa preziosa, dicevo prima, e quanto lo sia davvero, si può comprendere facilmente leggendo le storie di vita che emergono dai questionari e dalle interviste condotte. Si affacciano nuovi ruoli e nuovi bisogni per una fascia di popolazione sempre più consapevole delle tante opportunità di relazione in campo familiare e sociale - pensiamo solo al nuovo e fecondo rapporto affettivo ed educativo che i nonni odierni hanno con i nipoti - e che ha anche i suoi sogni nel cassetto da realizzare: un viaggio all’estero per esempio.

Accanto alle problematiche fondamentali poste dalla cura e dall’assistenza, credo dovremmo riservare dunque una nuova attenzione alla valorizzazione del ricco mondo dei nostri anziani, persone attive, protagoniste del confronto fra generazioni diverse e parte integrante del tessuto sociale.

Document info
Document views563
Page views563
Page last viewedSat Dec 10 02:23:52 UTC 2016
Pages212
Paragraphs5981
Words57406

Comments