X hits on this document

484 views

0 shares

0 downloads

0 comments

30 / 212

è lievemente superiore rispetto al valore medio provinciale, e questo è spiegabile con la maggiore quota di individui in età riproduttiva (tale quota è aggregata e compresa nella grande fascia di età 15-64 anni). A questi comuni si aggiunge anche quello di Carmignano dove gli individui in età giovanile costituiscono più del 14% dei residenti. I comuni che invece presentano percentuali relativamente più alte di popolazione anziana si trovano nell’area di alta collina e nell’area montana. Sono il comune di Vernio, con quasi il 26% (dati aggregati per l’età oltre i 65 anni) e i comuni di Cantagallo e di Vaiano, dove gli ultrasessantacinquenni costituiscono rispettivamente più del 24% e quasi il 22% della popolazione (dati aggregati)11. Questi tre comuni presentano anche la percentuale relativamente più alta di anziani che hanno superato l’ottantacinquesimo anno di vita.

Ampliamo l’analisi con l’osservazione degli indici che si riferiscono all’invecchiamento demografico e ai suoi effetti sull’equilibrio tra le generazioni all’interno dei sette comuni della provincia pratese (graff. 6-7-8-9).

A livello provinciale si registra un indice di vecchiaia pari al 147,1%. I territori a elevata senescenza presentano, ovviamente, gli indici di vecchiaia più elevati: Vernio (in cui l’indice assume il valore del 244,8%); Cantagallo (221,6%) e infine Vaiano (185,7%). Il comune capoluogo (147,9%) si pone in una posizione intermedia tra questi e i comuni a minore senescenza: Carmignano (che con il 115,3% è quello che maggiormente si avvicina alla soglia di parità del 100%), Montemurlo (120,0%) e Poggio a Caiano (130,1%).

Graf.6 Provincia di Prato e dettaglio comunale: indici di vecchiaia, 1° gennaio 2003

11 Bisogna tuttavia ricordare che tutti i comuni della provincia di Prato, compresi quelli montani,  hanno conosciuto l’industrializzazione e la crisi della mezzadria, due fenomeni che hanno sconvolto gli assetti agricoli precedenti. L’unico comune del territorio pratese che esce dalla categoria di intensamente o discretamente industrializzato è quello di Vernio, che viene classificato come residenziale. Anche questo aspetto è comunque in linea con il distretto industriale poiché all’interno di esso è possibile trovare aree nelle quali si è sviluppata maggiormente la necessaria funzione residenziale, che implica ovviamente una forma di pendolarismo verso i luoghi di lavoro nei comuni limitrofi. R. Cianferoni, Le aree agricole e forestali, in P. Giovannini, R. Innocenti, Prato metamorfosi di una città tessile, F. Angeli, Milano,1996. Milano,

Document info
Document views484
Page views484
Page last viewedTue Dec 06 10:25:58 UTC 2016
Pages212
Paragraphs5981
Words57406

Comments