X hits on this document

520 views

0 shares

0 downloads

0 comments

33 / 212

Fonte: elaborazione su dati Istat

La popolazione anziana risente di forti differenze nella composizione per genere. La maggiore presenza femminile nella provincia di Prato si deve in primo luogo all’allungamento della speranza di vita della popolazione e all’invecchiamento demografico. Dovunque, in tutto il mondo, nascono bambini di sesso maschile in numero lievemente superiore a quello delle bambine. Il rapporto quantitativo uomini-donne va a vantaggio della componente femminile con l’avanzare dell’età a causa della più elevata mortalità maschile.

Occorre ricordare che quello della femminilizzazione dell’anzianità è tra l’altro un problema di notevole portata per il cospicuo numero di donne che, sopravvivendo al marito, si trovano a vivere spesso in una situazione di precarietà economica e sociale, collegata talvolta ad un’esistenza di solitudine affettiva.

Anche per quanto riguarda la provincia di Prato, nella fascia di età giovanile (0-14 anni) il genere femminile è leggermente minoritario e nella fascia di età 15-64 anni si raggiunge un equilibrio paritario della presenza dei due sessi. Nelle fasce di età anziana, dai 65 anni in poi, le donne sono numericamente più presenti e il tasso di femminilizzazione diventa consistente tra i grandi-anziani fino a rappresentare più dei due terzi della classe di età oltre gli ottantacinque anni (tab.11).

Tab.11 Provincia di Prato e dettaglio comunale: composizione percentuale delle classi di età per genere femminile, 1° gennaio 2003

Document info
Document views520
Page views520
Page last viewedThu Dec 08 04:50:06 UTC 2016
Pages212
Paragraphs5981
Words57406

Comments