X hits on this document

575 views

0 shares

0 downloads

0 comments

37 / 212

si distingue tra famiglie senza nucleo e famiglie con nucleo13 per classi di età. In quella successiva (tab.13a), collegata alla prima, si rende necessario suddividere le classi di età ultrasessantacinquenni per posizione nella famiglia e genere, dal momento che soprattutto per la popolazione anziana nel tipo di contesto familiare emergono significative differenze di genere.

Il fenomeno delle famiglie unipersonali composte da anziani costituisce una caratteristica molto importante della nostra epoca e della nostra società e, come possiamo vedere, riguarda da vicino anche il nostro territorio. Infatti un quarto degli ultraottantacinquenni residenti nella provincia di Prato vive da solo e tale quota diventa pari al 24% quando consideriamo la fascia di età dei 75-84 anni. Per tutte le classi di età anziana l’isolamento abitativo è un fenomeno che interessa molto di più le donne degli uomini (quasi il 30% delle donne da 85 anni in poi vive in famiglie unipersonali). Possiamo anche notare come la famiglia unipersonale sia poco diffusa tra i giovani compresi nella fascia di età fra i 20 e i 34 anni, per i quali conta maggiormente il peso della posizione all’interno di famiglie con un nucleo, sia quando essi sono genitori (20%) sia - e soprattutto - quando essi ricoprono la posizione di figli (51%)14.

Tab.13 Popolazione residente in famiglia per posizione nella famiglia e classe di età. Provincia di Prato, Censimento 2001

Posizione nella famiglia

Fasce di età

0-19

20-34

35-64

65-74

75-84

85 e oltre

Tot.

Persone che vivono in famiglie senza nuclei

0,5

8,1

7,7

16,8

28,2

33,7

9,4

- In famiglie unipersonali

0,1

5,3

5,8

13,6

23,6

25,2

7,1

13 L’Istat definisce nucleo familiare l’insieme delle persone che formano una relazione di coppia o di tipo genitore-figlio. Si intende la coppia coniugata o convivente, senza figli o con figli mai sposati, o anche un solo genitore insieme ad uno o più figli mai sposati. Il concetto di nucleo familiare è normalmente più restrittivo rispetto a quello di famiglia; infatti nell’ambito di una famiglia possono esistere uno o più nuclei familiari. Può non esservene nessuno come è nel caso, ad esempio, delle famiglie unipersonali. Una famiglia può essere composta da più nuclei, ma può anche essere costituita da un nucleo e da uno o più membri isolati (altre persone residenti), o ancora da soli membri isolati.

14 Il fenomeno della prolungata permanenza dei giovani all’interno del nucleo familiare originario implica un’inedita configurazione della famiglia italiana, definita “famiglia lunga”, di cui parleremo in seguito, e che riguarda il rapporto all’interno dell’ambito familiare e domestico tra giovani e anziani. La “famiglia lunga” infatti comporta la convivenza per molti anni di più generazioni di persone (gli anziani, i loro figli e i nipoti spesso già adulti). Per un approfondimento sul tema dei comportamenti giovanili relativamente all’uscita dal nucleo familiare si può vedere anche C. Bonifazi, A. Menniti, M. Misiti, R. Palomba, Giovani che non lasciano il nido. Atteggiamenti, speranze, condizioni all’uscita di casa, W.P. 1/99, IRP, Roma.

Document info
Document views575
Page views575
Page last viewedSat Dec 10 14:41:00 UTC 2016
Pages212
Paragraphs5981
Words57406

Comments