X hits on this document

595 views

0 shares

0 downloads

0 comments

94 / 212

Consideriamo adesso l’anziano nel ruolo attivo di care-giver (tabb.3-4). Come vedremo, gli anziani svolgono un ruolo di protagonisti attivi nel sistema di aiuti informali che uniscono le generazioni all’interno della realtà familiare87.

Per quanto riguarda la compagnia è di nuovo il coniuge la persona alla quale principalmente (50%) viene prestata questa forma di supporto che si esprime nei termini di vicinanza sia fisica che morale. Altrimenti, in quote relativamente minori, la compagnia viene data ai figli e ai nipoti. Nel 16% dei casi invece non viene data a nessuno. Nessuna forma di assistenza prestata ad alcuna persona vale per la maggioranza del nostro campione (56%), il che significa che in questo campo di aiuti la popolazione anziana ricopre maggiormente il ruolo di ricevente piuttosto che quello di soggetto agente. Forme di assistenza vengono comunque date in percentuali significative al coniuge (26%) e ai figli (11%).

Il ruolo delle donne nello svolgimento di funzioni di compagnia e assistenza nei confronti dei figli risulta essere più consistente di quello maschile. Come era prevedibile, la maggioranza degli anziani (66%) non destina parti del reddito a nessuno, fermo restando che i figli, il coniuge e i nipoti - i soggetti facenti parte della sfera familiare - sono i destinatari più consueti di questa forma di aiuto da parte dell’anziano, con quote rispettivamente pari al 15%, al 10% e al 3%. Questo genere di aiuto,come vediamo, viene prestato prevalentemente dagli uomini.

Tab.3 Le persone alle quali l’anziano dà aiuto in termini di compagnia, assistenza, aiuti economici (valori percentuali)

Compagnia

Assistenza

Aiuti

economici

Coniuge/compagno

50,4

26,0

10,5

Figli

13,6

11,6

15,1

Nipoti

6,6

1,2

3,1

Altri parenti

5,0

2,7

1,9

Amici

5,8

0,8

1,2

Sconosciuti (attraverso attività di volontariato, opere di bene)

2,3

1,6

1,6

Nessuno

16,3

56,2

66,3

Totale

100,0

100,0

100,0

87 M. C. Romano, Genitori, figli, nipoti: le reti di solidarietà, in “Qualità Equità”, Vol. 2, n.7, 1997.

Document info
Document views595
Page views595
Page last viewedSun Dec 11 01:11:21 UTC 2016
Pages212
Paragraphs5981
Words57406

Comments