X hits on this document

547 views

0 shares

0 downloads

0 comments

96 / 212

9. Atteggiamento verso il lavoro e il pensionamento

9.1 Prospettive per il prolungamento della vita lavorativa

Il pensionamento segna per l’uomo il passaggio da una vita attiva ad una vita di disimpegno, il passaggio cioè dal tempo di lavoro al tempo liberato dal lavoro88. Per molte persone, soprattutto per coloro che godono di buona salute, il raggiungimento dell’età pensionabile e il ritiro dall’età lavorativa possono costituire eventi traumatici dell’equilibrio psico-fisico e possono incidere pesantemente sulla vita di relazione. E’ indubbio infatti che il pensionamento non significa soltanto la cessazione di una presenza attiva sul mercato del lavoro ma comporta dei cambiamenti anche nella vita di coppia, nelle relazioni sociali e familiari e nella strategie di organizzazione del tempo, ormai liberato dall’attività lavorativa89.   

88 “Nel modello culturale industriale il tempo non dedicato al lavoro viene denominato tempo libero, mentre per l’anziano si parla più propriamente di tempo liberato dal lavoro, per sottolineare che non esiste più il dominio del lavoro”. R. Scortegagna, Invecchiare, Il Mulino, Bologna, 1999, pag. 65.

89 R. Palomba, M. Misiti, D. Sabatino, La vecchiaia può attendere. Immagini, aspettative e aspirazioni degli anziani italiani, CNR, Istituto di Ricerche sulla Popolazione, Demotrends Quaderni, Roma, 2001. Per quanto riguarda l’organizzazione del tempo, con la fase del pensionamento il tempo si dilata dal momento che, venendo meno il tempo del lavoro, aumentano le ore dedicate al sonno, al riposo e al tempo libero. Cessa anche la necessità di recarsi sul luogo di lavoro e la mobilità degli anziani subisce dei cambiamenti: il baricentro della vita quotidiana diventa principalmente il luogo domestico, con una differenza tra donne e uomini; per le prime infatti si accentua la dimensione della vita familiare, circoscritta entro le mura domestiche, per i secondi invece la proiezione verso l’esterno rimane una caratteristica della loro quotidianità. Istat, Gli anziani in Italia, 1997 (cit. in Regione Toscana, Il lavoro in età avanzata, Giunti, Firenze, 2001).    

Document info
Document views547
Page views547
Page last viewedFri Dec 09 06:29:41 UTC 2016
Pages212
Paragraphs5981
Words57406

Comments